CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

05.01.2018

Fondazione marmo Pellegrini rilancia e pungola Zorzi

È rimbalzata nuovamente in Consiglio comunale di Sant’Ambrogio la proposta di costituire una Fondazione che consolidi il prestigio della lavorazione del marmo e delle pietre nel Distretto del marmo e delle pietre del Veneto. La proposta, lanciata lo scorso anno dall’ex consigliere comunale Sergio Fedrigoli, ha dato vita a un botta e risposta tra il consigliere del gruppo d’opposizione Idea Comune, Bianca Pellegrini, e il sindaco Roberto Zorzi. L’idea di Fedrigoli è quella della costituzione, a Villa Bassani, di un centro internazionale di produzione, innovazione, conservazione e restauro di marmi e pietre quale punto di riferimento per il Distretto del Marmo. «In un incontro tra capigruppo di maggioranza ed opposizione», ha detto Pellegrini, «il sindaco aveva promesso che ci avrebbe informati su eventuali progressi del progetto, ma non abbiamo ricevuto alcuna notizia in merito. Invece, il progetto della Fondazione meriterebbe un’ampia riflessione sulla possibilità, per il Comune, di diventare protagonista attivo per una crescita culturale, sociale ed economica del nostro territorio». Immediata la risposta del sindaco Zorzi: «Ho parlato del progetto della Fondazione con le associazioni del comparto, tra cui Verona District ed il consorzio Asmave. Abbiamo analizzato diversi aspetti; nel contempo, ho invitato gli imprenditori ad approfondire tra di loro la questione. Come amministrazione riteniamo infatti che le aziende debbano essere protagoniste di un percorso, indicandone gli obiettivi per uno sviluppo coeso ed omogeneo». Zorzi ha annunciato che Asmave, attualmente al Centro Servizi Marmo di Volargne, messo in liquidazione dalla Camera di Commercio di Verona, «ha chiesto di trasferirsi a Villa Bassani. Alla luce di questi cambiamenti è necessario compiere un ragionamento a tutto tondo. A questo punto ci confronteremo anche con gli altri Comuni interessati alla lavorazione dei prodotti lapidei, pronti ad fornire il nostro contributo alle associazioni di categoria». • M.U.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1