CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

08.12.2017

Fidas, il monumento e ora i premi ai donatori

Mirco Franceschetti Grande appuntamento, oggi, per la sezione del gruppo Fidas di Sant’Ambrogio di Valpolicella che festeggia i 47 anni di attività sul territorio ambrosiano con la premiazione dei donatori. «Dall'anno scorso registro una situazione positiva sia dal punto di vista del numero di donatori saliti a 220, grazie all'acquisizione di 16 nuovi donatori», dichiara il presidente Lino Lavarini, «sia per le donazioni attestate a quota 400, stabili rispetto al 2016. Ricordo che le porte della nostra sezione sono sempre aperte a chiunque, anche di etnie e credi religiosi diversi, come è accaduto negli ultimi anni, volesse avvicinarsi a questa importante esperienza di volontariato, ma soprattutto ai giovani già a partire dai 18 anni» «Rammento», conclude Lavarini, «che il mandato del direttivo con la mia presidenza termina in questi giorni. Lancio un appello a nuove persone di buona volontà che vogliono entrare nel direttivo». Nel 2017 per la Fidas ambrosiana è stato un anno importante, perché lo scorso giugno è stato finalmente inaugurato il nuovo monumento al donatore, realizzato per promuovere il dono del sangue e sensibilizzare la comunità. Intanto oggi al pranzo sociale saranno consegnate medaglie e diplomi di benemerenza. Il distintivo d'oro va a Silvano Bonafini e a Sergio Case; la croce d'oro va a Gabriella Beltrame e Igor Peroni; medaglia d'oro a Roberto Gambini, Damiano Merigo, Roberto Minetto e Massimo Zivelonghi; medaglia d'argento a Giuliano Franceschini, Luca Gambini ed Emanuela Tommasi; medaglia di bronzo ad Angelo Bonato,Renato Coati, Alessandro Perlina, Alessandro Varolo, Andrea Venturi e Marco Zocca; diploma di benemerenza a Nicole Chesini, Nadia Fasoli, Enrico Menegazzi, Nicola Quintarelli, Matteo Squarzoni, Maurizio Turrini, Alessandro Vicentini, Enrico Zantedeschi, Marco Zenaro e Maddalena Elia Zocca. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1