CHIUDI
CHIUDI

10.01.2019

Cittadini bravi con i rifiuti Il paese primo in classifica

Sant’Ambrogio di Valpolicella primo tra i Comuni rifiuti free della provincia di Verona nella speciale graduatoria dei Comuni tra i 5mila ed i 15mila abitanti. Questo il risultato ottenuto dall’amministrazione guidata dal sindaco Roberto Zorzi, che ha delegato la raccolta dei rifiuti al Consorzio di Bacino Verona Due del Quadrilatero. Sant’Ambrogio (11.872 abitanti) si è classificato al primo posto provinciale nella speciale classifica di Legambiente, patrocinata dal ministero per l’Ambiente. A Sant’Ambrogio ogni abitante ha prodotto in media, durante il 2018, un equivalente di 37,3 chilogrammi di rifiuto secco; la raccolta differenziata si è attestata all’84,9 per cento. In Veneto primo assoluto è risultato il comune di Trevignano in provincia di Treviso (10.765 abitanti) con un equivalente di 26,4 chilogrammi di rifiuto secco e l’85,6 per cento di raccolta differenziata. «Anche il 2018, come negli anni precedenti» evidenzia il vicesindaco ed assessore all’ecologia Renzo Ambrosi «l’assiduo impegno dei cittadini ha consentito al nostro Comune di essere premiato da Legambiente tra i cosiddetti Comuni rifiuti free. Questo risultato ci ha permesso di classificarci al primo posto tra i Comuni con più di 5mila abitanti della provincia». Il vicesindaco ha sottolineato che «la diminuzione delle frequenze della raccolta del secco e l’utilizzo dei sacchetti dedicati nell’arco di un mese, seppur richiedendo qualche sacrificio, hanno prodotto ottimi risultati grazie alla pervicacia dei concittadini». L’alta percentuale di raccolta differenziata raggiunta dal Comune e il limitato quantitativo di rifiuto secco procapite, prosegue Ambrosi, «ci permettono di contenere i costi del servizio che altrimenti sarebbero più alti. Conferire i rifiuti in discarica, diventa sempre più oneroso in termini sia economici che ambientali. Differenziare attentamente i nostri rifiuti è rimasta l’unica strada per contenere i costi e quindi le nostre bollette». Il vicesindaco raccomanda ai concittadini «di utilizzare il più possibile il servizio porta a porta. Questo permette di non aggravare i costi del servizio con ulteriori spese di trasporto e di gestire nel migliore dei modi l’ecocentro comunale, vicino al cimitero di Sant’Ambrogio». Le forniture annuali dei sacchetti per la raccolta del secco possono essere ritirati, con frequenza annuale, nei distributori a Sant’Ambrogio nel porticato limitrofo alla farmacia di via Matteotti e a Domegliara in piazza Unità d’Italia vicino alla casetta dell’acqua, inserendo il tesserino fiscale dell’intestatario delle utenze rifiuti o, per le ditte, la tessera da ritirare nell’ufficio comunale all’ecologia. Il calendario per la raccolta porta a porta 2019 è consultabile anche sul sito comunale.

M.U.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1