CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

24.06.2017

Ortolab, il progetto
che cura lo stress
e fa riabilitazione

Fare giardinaggio e lavorare nell’orto ha benefici notevoli, contro lo stress, ma anche per trovare la pace con se stessi. «In un mondo sempre più virtuale e tecnologico, la riscoperta della natura e del contatto con la terra, è anche un modo per ritrovare se stessi». È questo il fondamento del Progetto Ortolab, inaugurato nel mese di maggio a Pedemonte e che verrà messo a punto martedì.

Il progetto vede coinvolti utenti e operatori dell’Hotel Gran Can a Pedemonte, servizio gestito dalla Cooperativa Azalea, in rete con l’associazione Terra Viva, il sostegno del comune di San Pietro in Cariano e con le risorse e le attrezzature che Leroy Merlin ha fornito attraverso l’iniziativa «Bricolage del Cuore». «L’amministrazione di San Pietro in Cariano ha messo a disposizione del progetto un terreno di proprietà comunale adiacente alla Casa delle associazioni di Pedemonte», spiega l’assessore Giuseppe Poiesi, «proprio per svolgere attività riabilitative all’interno dell’orto volte ad alcune persone con problematiche di salute mentale che vivono all’interno delle comunità presenti presso l’hotel Gran Can. Le attività proposte grazie all’esperienza di Terra Viva, di un’ Agronoma e di un gruppo di volontari dell’associazione Tam Tam hanno come obiettivo quello di far ritrovare il benessere interiore e non solo». Lavorare a stretto contatto con la natura negli orti – giardini può essere un modo in più per cercare di combattere lo stress e la solitudine. «Le finalità di questo progetto sono duplici», affermano dalla cooperativa Azalea, «da un lato la riabilitazione degli ospiti delle comunità, dall’altro la produzione di ortaggi per il fabbisogno delle stesse. Il nostro intento è costruire un progetto sociale che sia anche un luogo di incontro e un esempio di come ciascuno con le sue risorse – impresa sociale, grande azienda, associazioni e cittadini del territorio – possa promuovere relazioni virtuose nell’ottica dello sviluppo di comunità».

Martedì a conclusione lavori, seguirà un pranzo con tutte le persone coinvolte, amministrazione comunale, volontari ed amici.G.G.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1