CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

23.04.2017

Magnalonga, biglietti
bruciati in pochi giorni

Un punto ristoro con vini doc alla Magnalonga
Un punto ristoro con vini doc alla Magnalonga

Sold out in pochi giorni, per la 20esima Magnalonga, che si tiene oggi tra i colli della Valpolicella. Dal 13 marzo, giorno di apertura delle iscrizioni, sono stati venduti, in neanche una settimana, ben 2500 biglietti. Tante sono le persone che anche quest’anno vogliono abbinare il semplice piacere di passeggiare tranquillamente tra le bellezze naturali, in strade sterrate lontane dal traffico, fermandosi a degustare vini eccellenti e prelibatezze culinarie locali. Complice anche la bella giornata di sole.

La Magnalonga, manifestazione primaverile tra le più attese in Valpolicella, con una camminata non competitiva, attira da vent’anni ormai migliaia di persone, ed anche di famiglie. Per questo è previsto anche il biglietto ridotto, con proposte culinarie più leggere e semplici per i bambini. La partenza è dalle ore 9 alle 13, in Piazza San Rocco, nella frazione di Pedemonte, a gruppi di 100 – 150 persone ogni dieci minuti. Come consuetudine, le partenze sono scandite dallo sparo a salve di un antico cannone regalato al comune di San Pietro in Cariano dalla cittadina austriaca gemellata, Stans. Per chi deve attendere il suo turno, c’è il giullare Antonio ad intrattenerli, oppure la possibilità di curiosare tra i chioschi dei produttori di vino e i banchetti dei mestieri di una volta.

L’itinerario della Magnalonga, una decina di chilometri complessivamente, si snoda attorno a Pedemonte, sul Monte Masua e Monte Gradela, e si divide in otto tappe, dislocate in punti suggestivi e in cantine. Una tappa sarà riservata ai produttori al di fuori della Valpolicella, selezionati in un banco di assaggio composto da sommelier, enologi e ristoratori. Non mancheranno intrattenimenti musicali e folkloristici. La prima tappa è alla Cantina Santa Sofia dove verrà servita polenta e renga con Bardolino Chiaretto doc Classico; la seconda all’azienda agricola Tedeschi (tagliere di salumi genuini e giardiniera con Lucchine Valpolicella doc Classico); la terza al SA.MA Frutta (bigoli all’anara con Valpolicella Classico Superiore Mizzon); la quarta alla Cantina Arduini Luciano (sorbetto al Recioto e analcolico della Gelateria Cupido e Recioto della Cantina Arduini Luciano); la quinta agli impianti sportivi di Corrubbio (brasato con erbette con Amarone della Valpolicella docg Villa Crine); la sesta ai giardini di Cengia (formaggi Monte Veronese stagionato e Monte giovane, con grissini e marmellata di ciliege accompagnati dal Moscato Caseo Capinera Gialla Tommasi); settima tappa al Borgo di Pedemonte (dolce della Magnalonga). Qui si può ritirare il biglietto per il bicchiere di recioto classico agli stand delle aziende presenti in piazza San Rocco di Pedemonte. Dalle ore 16 alle 21 saranno aperti, in piazza, gli stand enogastronomici; non mancherà la musica, con il concerto della band Lato A.

Anche quest’anno i proventi della Magnalonga, che rientra nella Festa dei Vini Classici della Valpolicella e del Recioto dell’1 maggio a Pedemonte, come stabilito dal Comitato organizzatore presieduto da Livio Schiavone, andranno in beneficenza.

Giancarla Gallo
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1