CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

10.05.2017

Dialogo con tuo nonno
I consigli di Cagliari

Il libro di Renzo Cagliari
Il libro di Renzo Cagliari

Domani alle 20,30 in sala Zanotto di Villa Brenzoni Bassani verrà presentato il I pensieri, le esperienze, i consigli di tuo nonno scritto dall’ambrosiano Renzo Cagliari, volontario della Croce Rossa locale. Introduce Roberta Cattano. Il libro stampato in autunno da Cierre Grafica in 100 copie, ora esce in veste più elegante con Il Segno dei Gabrielli di San Pietro in Cariano.

Qualche anno fa Renzo, diventato nonno, ha scritto un vademecum per il nipote e le nuove generazioni. Scrive nella presentazione Elisa Rizzi: «Il libro è venuto alla luce non dalle mani di uno scrittore professionista bensì da quelle di un semplice nonno. Mani di un lavoratore mai stanco, di un artigiano, di un marito, di un papà e di un nonno che ha saputo aprire il suo cuore per donarlo in tutta la sua autenticità al suo adorato nipote. La sua voce si fa sentire forte e chiara perché bussa alla porta della quotidianità di ogni individuo, piccolo o grande, giovane o anziano».

Il testo parla di Dio, della vita, dell’amore, della famiglia, del volontariato, degli anziani. E poi di comportamenti virtuosi e sentimenti.

Cagliari indica come prendere decisioni e assumersi responsabilità, si sofferma sulle delusioni e gli errori, sui momenti difficili e gli atteggiamenti negativi e conclude proponendo massime di Madre Teresa di Calcutta. Molti argomenti sono completati da racconti di scrittori spesso anonimi, antiche poesie indiane e citazioni.

Renzo Cagliari non pretende che tutti condividano il suo pensiero, tuttavia con il suo libro spera di aiutare i giovani a crescere nell’autostima, a superare i momenti neri , consapevoli del valore della vita. «Abbiamo una sola esistenza, nel corso del quale siamo liberi di decidere che cosa fare del nostro tempo e delle nostre energie», scrive. «La vita è fatta di scelte. Vogliamo scegliere di salvaguardare il nostro corpo, di sviluppare la nostra intelligenza, di accrescere la società in cui viviamo, di esprimersi e di agire in modo onesto e di lasciare l’ambiente in condizioni migliori di quello in cui l’abbiamo trovato, oppure vogliamo trascurare il nostro fisico, sprecare le nostre inclinazioni e abilità, danneggiare la natura?». M.F.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1