CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

13.03.2018

Più sicurezza Via Mazzini sarà un cantiere

Via Mazzini a Negrar FOTO AMATO
Via Mazzini a Negrar FOTO AMATO

Partiranno a primavera inoltrata dal primo tratto di via Mazzini, quello che inizia dalla piazza del municipio, i lavori di manutenzione e riqualificazione generale di alcune strade del centro storico di Negrar. L’amministrazione Grison intende per prima cosa ripavimentare con autobloccanti al posto degli attuali blocchetti di porfido non carrabili, rovinati in molti punti, i primi 65 metri di via Mazzini compresi tra due attraversamenti pedonali: esclusi dall’ultimo intervento di sistemazione della viabilità, risalente a parecchi anni fa, dal resto della strada che prosegue verso scuola e campi sportivi (diventando via Cavalieri di Vittorio Veneto) si distinguono concretamente grazie a un cordolo in pietra. Poi l’amministrazione comunale intende sistemare profili e pietre dei marciapiedi e altri punti stradali anche in piazza Vittorio Emanuele, piazza Roma, viale Rizzardi e ancora via Mazzini, la centrale via dei negozi che ogni lunedì nel primo tratto ospita anche i banchi del mercato settimanale. Senza contare la riqualifica completa di via Umberto I, sempre in centro. VIA MAZZINI. Il mese scorso gli uffici tecnici del Comune hanno esaminando le carte per individuare la ditta esecutrice del cantiere da avviare nel primo tratto di via Mazzini, poi ci vorranno altri 30 giorni per la stipula del contratto e altri 15 per adempimenti vari. L’attuale porfido che ricopre i 65 metri, insomma, non inizierà a essere rimosso prima della fine di aprile, chiaramente dopo Pasqua e dopo il Palio del Recioto che si svolge negli stessi giorni. È già stata stimata una spesa di 73mila euro: 51mila di lavori a base d’asta, 2mila per oneri sicurezza e altri 20mila circa di spese tecniche, imposte e contributi dovuti per legge. «Vogliamo investire nella sicurezza dei pedoni anzitutto, visto che questo tratto è molto frequentato durante il mercato del lunedì, ma pensiamo anche all’adeguamento con un fondo che sia carrabile e pertanto duri nel tempo», spiega l’assessore ai lavori pubblici, Bruno Quintarelli. «Tamponare i punti critici con manutenzioni straordinarie non era per niente conveniente: veniva a costare tanto quanto rifare il pezzo per bene e non risolveva mai del tutto la situazione». Da qui la decisione di ripavimentare, fa sapere l’assessore. Quintarelli si rivolge poi ai commercianti e ai frequentatori di via Mazzini per lavoro o commissioni. E vuole rassicurarli: «Il cantiere durerà quattro settimane e non riguarderà i sottoservizi, pertanto i disagi saranno limitati rispetto agli anni scorsi in cui si è scavato per sistemare anche quello che c’era sotto la strada. Comunicheremo inoltre per tempo agli esercenti del mercato il periodo di chiusura e lo spostamento temporaneo dei banchetti. In ogni caso, verrà chiuso solo l’asse stradale e i marciapiedi rimarranno liberi». VIA UMBERTO I. Tra le priorità dell’amministrazione Grison l’assessore Quintarelli cita anche il rifacimento completo di questa strada del centro storico che sale da via Mazzini, per la quale i lavori potrebbero iniziare verso l’estate. Gli uffici sono al lavoro con i progetti, il quadro economico e altri aspetti tecnici per arrivare alla conclusione dell’iter burocratico e dare il via al cantiere per l’intervento di sistemazione. «Verranno rifatti l’asfalto sulle carreggiate stradali, la pubblica illuminazione, la segnaletica, scoli e canali grigliati», conclude l’assessore. «Metteremo sei nuovi lampioni, con luci a led a basso consumo energetico, eliminando gli attuali punti luce sospesi e risparmiando quindi rispetto al presente. Sarà inoltre migliorata la parte riservata a chi va a piedi». •

Camilla Madinelli
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1