CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

24.12.2017

Quello di Pol è il cuore romanico della chiesa

La nuova chiesa di Santa Lucia
La nuova chiesa di Santa Lucia

Sul territorio della parrocchia di Santa Lucia di Pescantina c'è la vecchia chiesetta di Santa Lucia in Pol. Il termine Pol, secondo informazioni ottenute dal parroco don Renzo, indica quella striscia di terra e ghiaia lasciata libera dalle acque del fiume Adige durante l'estate. La chiesa ha origini antiche: risale al secolo XII. È un esempio di semplice architettura romanica veronese e presenta una facciata a capanna e un tetto a due falde. All'interno sono presenti dei resti di affreschi tardo medievali, raffiguranti Sant’Antonio, San Damiano, Santa Lucia e la Madonna della Seggiola. Da sempre fu soggetta alla signoria del vescovo di Verona e non dipese mai da alcuna pieve. Lo spazio interno della chiesa, sobrio ed austero nell’essenzialità delle sue linee architettoniche, tra il secolo XIII e il secolo XV l’interno fu abbellito con affreschi e cicli pittorici raffiguranti teorie di santi. Sempre a detta del parroco i rettori della chiesa erano chiesti dalla popolazione al vescovo, dal quale dipendevano e non avevano alcuna dipendenza dal parroco di Pescantina. Di fianco alla chiesetta si trovava il vecchio camposanto per gli abitanti di Santa Lucia utilizzato fino al 1800. Solo nel 1907 fu dichiarata oratorio pubblico soggetto alla chiesa parrocchiale di San Lorenzo in Pescantina. Nel 1949 fu eretta canonicamente in parrocchia autonoma e il primo parroco fu don Raffaele Morandin (1949-60). Nel frattempo, soprattutto a causa dell'incremento demografico, fu edificata tra il 1958 e il 1961 una nuova e più ampia chiesa, alla quale, il 31 maggio 1961, fu trasferito lo status di parrocchia. Così la chiesetta di Pol divenne cappella ad essa soggetta. I parroci che si susseguirono furono don Giusti, don Giuseppe Bordin e don Giuseppe Mascanzoni (1993-2009). Al suo infaticabile lavoro e alla collaborazione disinteressata di tutta la popolazione si deve il restauro dell'esterno e delle decorazioni pittoriche interne dei secoli XIII-XV. G.B.M.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1