CHIUDI
CHIUDI

13.03.2019

Elezioni, Cadura si ripresenta E Quarella dà la disponibilità

Il municipio di Pescantina, uno dei 49 Comuni veronesi chiamati al voto amministrativo
Il municipio di Pescantina, uno dei 49 Comuni veronesi chiamati al voto amministrativo

Grandi manovre in partiti e associazioni di Pescantina per le elezioni comunali che fra un paio di mesi decreteranno il nuovo inquilino di Palazzo Betteloni. Partendo dalle forze e dalle personalità politiche oggi presenti in Consiglio comunale, tra i dati che costituiscono la base di un possibile scenario, la ricandidatura annunciata dell’ uscente sindaco Luigi Cadura che dovrebbe mantenere l’accoppiata con la vice sindaca Paola Zanolli con Pescantina democratica. Spiega Cadura: «Stiamo lavorando per un’aggregazione della società civile che abbia a cuore gli interessi di Pescantina, senza interferenze dall’esterno e chiedendo la collaborazione delle istituzioni». Dal gruppo di partenza dell’attuale amministrazione, il 18 novembre 2015, si è staccato il consigliere Davide Quarella, eletto per la prima volta in Consiglio comunale con 169 voti per la lista civica Laboratorio per Pescantina. Da allora Quarella ha mantenuto un atteggiamento critico di opposizione schierandosi su ogni singolo provvedimento. Sempre a partire dal Laboratorio, secondo il distinguo politico reso noto sull’Arena il 13 febbraio scorso dall’attuale presidente del Consiglio comunale, Lorenzo Niki Mascanzoni, sarebbe in atto un esperimento «per dar vita ad una civica che raccolga forze moderate, imprenditoriali e realtà associative» cui hanno aderito gli assessori Rosanna Lavarini e Gianluca Quarella, rispettivamente al sociale e alle manifestazioni. «È un tentativo di esplorare altre possibilità di aggregazione nell’area di centro e per ora ci fermiamo qui», sottolinea Mascanzoni. IL GRUPPO LEGATO all’ex sindaco Alessandro Reggiani, Cittadini per Pescantina, che è rappresentato in Consiglio da Manuel Fornaser e Francesco Marchiori, dall’inizio dell’anno ha aperto la sede in via Ponte 66, organizzato una serie di incontri in centro e nelle frazioni e reso pubblico, nelle linee generali, il suo programma elettorale. «Ma anche qui», sottolinea Fornaser, «è ancora presto per parlare di candidati. Possiamo contare su una rosa di quattro nomi: noi tre e la new entry Fabio Mantovani. Dipenderà dagli scenari». Nell’area di centro destra si muovono la Lega di Davide Pedrotti, il gruppo Fratelli d’Italia di Annarita Autuori e una lista civica. Al momento ci sono solo ipotesi sui candidati. «Ho dato la mia disponibilità a candidarmi», precisa il consigliere uscente Davide Quarella, «a patto che ciò costituisca una soluzione unitaria per queste forze. In caso contrario non comincerei nemmeno». «LA LEGA», precisa il consigliere comunale Davide Pedrotti, «sta collaborando con l’area di centro destra per arrivare a una soluzione che raccolga le forze che in questi anni hanno fatto opposizione all’amministrazione Cadura, aprendosi alla società civile. Sto cercando una soluzione per dare un’amministrazione coerente e coesa per Pescantina. Sui nomi per il momento non mi sbilancio». L’ultimo gruppo, rappresentato in Consiglio da Samuele Baietta, è il Movimento Cinque Stelle che proseguirà la sua azione politica a Pescantina con una lista. «Anche per noi è prematuro parlare di candidato sindaco», dice Baietta. •

Lino Cattabianchi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1