CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

01.02.2018

L’ospedale Sacro Cuore nella «top 18» della endoscopia digestiva in Italia

L’équipe del servizio di endoscopia ed ecoendoscopia digestiva del Sacro Cuore
L’équipe del servizio di endoscopia ed ecoendoscopia digestiva del Sacro Cuore

Camilla Madinelli Il Servizio di Endoscopia ed ecoendoscopia digestiva dell’ospedale Sacro Cuore Don Calabria di Negrar ha ottenuto l’accreditamento da parte della Società italiana di Endoscopia digestiva (Sied) che riconosce e premia la qualità delle prestazioni offerte al paziente. Nel Veronese è l’unica struttura accreditata e in tutta Italia sono 18 in totale, tra cui l’Istituto europeo di Oncologia, l’Istituto nazionale dei tumori di Milano e l’Ismett di Palermo. Nel Servizio dell’ospedale negrarese ora certificato vengono effettuati ogni anno circa 8mila esami diagnostici, esami come la gastroscopia, la colonscopia o la più sofisticata ecoendoscopia, un’ecografia interna ad alta risoluzione della parete del tubo digerente e di quanto si trova lì vicino fondamentale per la diagnosi e la stadiazione dei tumori. In pratica, l’Endoscopia ed ecoendoscopia digestiva a Negrar è un centro di eccellenza per la diagnostica precoce e la terapia delle malattie e dei tumori gastrointestinali, del pancreas e delle vie biliari. Il responsabile è il dottor Marco Benini e il Servizio fa parte della Gastroenterologia diretta dal dottor Paolo Bocus. «Siamo orgogliosi della certificazione da parte di un ente autorevole e indipendente come la Sied», commenta Benini. «I criteri di valutazione per ottenere l’accreditamento, che avviene su base volontaria, sono stringenti e si basano su rigidi criteri di qualità ampiamente riconosciuti dalla comunità scientifica internazionale. Vengono valutati sia gli aspetti scientifici e professionali sia l’organizzazione dei processi sanitari. Nel percorso per ottenere il riconoscimento è stata coinvolta l’ Associazione nazionale degli infermieri operatori tecniche endoscopiche (Anote), che ha messo a disposizione un team di infermieri per affiancare Sied nell’iter di accreditamento sulle tematiche specifiche del loro ruolo. Il risultato è frutto del lavoro di tutti i componenti del Servizio e della costante collaborazione con l’Ufficio qualità integrato dell’ospedale». •

Camilla Madinelli
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1