CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

20.01.2018

Jazz, buona cucina e vini Cinque mesi con il meglio

Musica dal vivo, cucina veronese e vino della Valpolicella e tutto a ritmo jazz. Cantina Valpolicella Negrar sostiene l’ottava «Rassegna Jazz Veronese» che, tra suoni, sapori e solidarietà, sarà ospitata al Due Torri Hotel di Verona fino all’8 giugno, una volta al mese, di venerdì. Dopo la mostra al museo di Castelvecchio a febbraio 2017, dedicata all’artista settecentesco Antonio Balestra, la cantina cooperativa negrarese torna in città dando il suo supporto all’iniziativa «A cena con i jazzisti», creata nell’ambito della rassegna jazz che promuove i valori del «fare insieme», patrocinata dal Comune di Verona e promossa da Associazione Jazz&More, Circolo Jazz di Verona, Doc live e Due Torri Hotel. Il venerdì sera artisti e pubblico potranno condividere la passione per cucina, vino e musica alle cene proposte dal Due Torri Lounge&Restaurant (tre Forchette Michelin), seguite dall’esibizione live di nomi storici e giovani talenti del jazz italiano. Info e prenotazioni, 335 6317228 o www.jazzandmoreverona.com. Con il jazz veronese, del resto, Cantina Valpolicella Negrar ha avuto un primo e azzeccato approccio nella primavera 2017, quando in sede ha ospitato il concerto della storica Big Band Ritmo Sinfonica Città di Verona. «Aderiamo volentieri a questo progetto di grande respiro», dice il presidente della Cantina, Renzo Bighignoli, «in cui si fondono il ritmo della musica, il piacere della solidarietà, data la presenza delle creazioni artigianali della cooperativa sociale Azalea Home, il gusto della cucina di qualità a cui contribuiremo con i vini Domìni Veneti serviti in compagnia degli artisti sia a cena che a fine concerto». C.M.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1