CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

16.02.2018

I nomi che dà alle cose la scrittrice Masini

È affezionata al lago di Garda per ragioni familiari e lo frequenta da tempo, ma conosce anche la Valpolicella, la scrittrice milanese Beatrice Masini, direttore editoriale di Bompiani e traduttrice delle magiche avventure di Harry Potter. E in Valpolicella torna, oggi, per presentare il suo romanzo «I nomi che diamo alle cose» (Bompiani, 2016), in cui i nomi, appunto, non sono mai casuali, a partire da quelli dei protagonisti della storia ambientata pure – guarda caso – sul Garda. Alle 18, a villa Mosconi Bertani di Novare di Arbizzano, Masini sarà la protagonista dell’appuntamento della serie «L’avventura oltre l’avventura – Otto aperitivi con narratori del nostro tempo», promossi nell’ambito del Premio «Emilio Salgari» di letteratura avventurosa dall’assessorato alla Cultura e dall’Università del Tempo Libero di Negrar, con il sostegno di associazioni, librerie, ristoranti, istituti di credito, aziende agricole e strutture ricettive. Durante l’incontro, a ingresso libero, Masini si confronterà con Elena Pigozzi e Martina Benati. Al termine, a tu per tu con la scrittrice al rinfresco con i vini della tenuta Santa Maria di Gaetano Bertani e il catering dell’Utl. Chi desidera, può anche partecipare alla cena a cui interverrà l’autrice, organizzata dopo l’incontro alla trattoria Caprini di Torbe: info e prenotazioni chiamando il 345 0578045. Nella mattinata di oggi, invece, la scrittrice incontrerà alunne e alunni di alcune classi della scuola media «Salgari» di Negrar, per dialogare a tu per tu con loro di lettura, libri, passioni e professioni. Giornalista, traduttrice ed editor, Masini scrive storie e romanzi per ragazzi e adulti. I suoi libri sono stati tradotti in 15 Paesi. Ha vinto, nel 1999, il Premio Castello di Sanguinetto con il romanzo «La casa delle bambole non si tocca» (Salani), nel 2004 il Premio Pippi con «Signore e signorine – Corale greca» (Einaudi Ragazzi), il Premio Elsa Morante con «La spada e il cuore – Donne della Bibbia» (Edizioni EL) e il Premio Andersen come miglior autrice. A Negrar, nell’ambito degli aperitivi letterari, è la prima donna: prima di lei hanno incontrato i lettori Palandri, Sarasso, Molesini e Steiner. Il 16 marzo arriverà Marcello Simoni, il 20 aprile Valerio Varesi e il 25 maggio Darwin Pastorin. •

C.M.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1