CHIUDI
CHIUDI

23.01.2019

Costeggiola più sicura Telecamere anti ladri

Una delle due telecamere in funzione da pochi giorni FOTO PECORA
Una delle due telecamere in funzione da pochi giorni FOTO PECORA

Anche nei cimiteri di Negrar e Arbizzano si erano verificati furti tra le tombe. Ma con telecamere mobili sono stati limitati. Adesso due occhi elettronici nuovi di zecca sono in funzione dal 17 gennaio in località Costeggiola, all’inizio delle case tra i vigneti appena sopra Negrar in direzione Mazzano, e nel quartiere residenziale in località Calcarole posta tra San Peretto e il capoluogo. Il Comune ha acquistato e messo in funzione due telecamere fisse, agganciate alla rete elettrica pubblica, per controllare meglio il territorio in questi due punti abitati, ma con molte vie di fuga in mezzo ai campi, e difenderlo in particolare dai reati predatori come i furti nelle case. Posizionate sui pali della luce, in alto, le telecamere si trovano a Costeggiola all’ingresso della strada principale che si dirama dalla provinciale 12 dell’Aquilio e alle Calcarole tra quattro vie del quartiere. SONO AL RIPARO da atti vandalici, hanno una batteria che si ricarica di notte con l’elettricità e sono pronte a registrare ogni passaggio più o meno sospetto lì intorno, facendo salire a nove i presidi tecnologici fissi istallati dal Comune in tutto il territorio. «I cittadini di queste due località le aspettavano da tempo, abbiamo provveduto», afferma soddisfatto l’assessore alla sicurezza urbana e alla polizia locale, Maurizio Corso. Tra San Peretto e Negrar funziona dal 2017 un gruppo di controllo del vicinato. «I residenti erano così stufi di subire furti e spiacevoli intromissioni nelle loro abitazioni che non solo hanno attivato il gruppo, ma volevano anche acquistare di tasca propria le telecamere» spiega Corso. Ci ha pensato il Comune. A Costeggiola esiste un gruppetto informale di residenti che monitora la situazione e segnala a chi di dovere, se necessario, avvistamenti di persone equivoche o tentate truffe. «La collaborazione dei cittadini rimane fondamentale, per un efficace e continuo presidio del territorio», prosegue l’assessore alla sicurezza. «La tecnologia, però, può fornici un aiuto non da poco e da qualche anno a Negrar stiamo investendo risorse in questo senso». Le due nuove telecamere, infatti, vanno ad aggiungersi alle altre sette in funzione in punti di passaggio strategici. Altre tre saranno posizionate dal Comune confinante di San Pietro in Cariano che con quello di Negrar ha lavorato in sinergia per portare a casa un contributo regionale di più di 30mila euro per il controllo dei varchi stradali utile alla sicurezza urbana. «Il lavoro di squadra premia, insieme abbiamo potuto accedere a questi fondi e accrescere la dotazione tecnologica», sottolinea l’assessore. Lavora fianco a fianco del comando di polizia locale, guidato dal comandante Maurizio Facincani, e collabora pure con il collega delegato all’ecologia, Fausto Rossignoli, per stanare i furbetti della spazzatura che la mollano dove capita. •

C.M.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1