CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

04.12.2017

Così il bambino vede e si riconoscono i suoi difetti visivi

Si sposta dall’auditorium di Negrar a Montecchio, alla scuola dell’infanzia in via Don Tacchella, il ciclo d’incontri «Salute in età pediatrica» promossi dalla stessa scuola della frazione con il patrocinio del Comune di Negrar e dell’ospedale Sacro Cuore Don Calabria. Dopodomani, a partire dalle 20.30, si affronteranno due argomenti con due diversi specialisti: il medico Giuliano Stramare, specialista in oftalmologia e direttore dell’ Oftalmologia pediatrica al Sacro Cuore, spiegherà come vede un bambino e come riconoscere un suo eventuale difetto visivo; il collega otorinolaringoiatra Paolo Uras, invece, illustrerà le più comuni patologie che possono colpire i più piccoli tra orecchie, naso e gola. Si tratta del terzo incontro previsto nel breve ciclo dedicato alla salute dei bambini, che segue a quelli di novembre dedicati all’alimentazione e alle vaccinazioni che si sono tenuti nel capoluogo. Poco più di una decina, tra l’altro, ma parecchio interessati, i partecipanti alla serata sui vaccini tenuta dal pediatra Giorgio Zavarise. A lui gli organizzatori avevano affidato il delicato compito di fare chiarezza sull’impatto della copertura vaccinale sui singoli e nelle comunità, oltre che sul rapporto costi-benefici. Nella sua lunga e articolata relazione medico scientifica, Zavarise ha voluto spiegare perché «non bisogna abbassare la guardia nei confronti delle malattie infettive» e perché «i benefici di un vaccino superano le possibili controindicazioni». Il dibattito con papà e mamme presenti in platea, però, è stato molto animato nonostante l’affluenza scarsa se si considera la grande attualità dell’argomento. Tra i temi che sono stati toccati la recente e discussa obbligatorietà dei vaccini istituita per legge su tutto il territorio nazionale, la vera o presunta pericolosità di alcune sostanze contenute in essi, i forti interessi in campo da parte di chi li produce, il desiderio dei genitori di ricevere informazioni univoche e chiare sui vaccini per poter scegliere serenamente cosa fare per cercare di garantire la salute ai propri figli. • C.M.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1