CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

26.01.2018

Animalisti insistono «Massima vigilanza sui maltrattamenti»

Giancarla Gallo Mentre proseguono le indagini da parte delle forze dell’ordine per rintracciare i colpevoli dell’uccisione del cane maremmano Roccia, nel giardino di casa sua, il coordinamento delle associazioni animaliste veronesi chiedono che non si allenti l’attenzione sui fatti criminosi ai danni di animali indifesi. Nel comunicato, sottoscritto dalle associazioni Animalisti Verona, Enpa, Freccia 45, Lav, Lega Nazionale per la difesa del cane, sezioni di Verona e Legnago, si chiede «un concreto interessamento dell’amministrazione comunale di Negrar, affinché si adoperi fattivamente per individuare l’autore di questo nuovo vile gesto di inciviltà» e fa riferimento all’articolo 544/bis del Codice penale: «Chiunque, per crudeltà o senza necessità cagiona la morte di un animale è punito con la reclusione da quattro mesi a due anni». «È un atto gravissimo che ci lascia increduli», dice l’assessore ai Servizi sociali Ulyana Avola. «Si tratta certamente di un atto di violenza inaudita contro un animale domestico, aggravato dalla circostanza di essere stato compiuto attraverso un reato di violenza privata contro una abitazione, all’interno della quale vi erano anche dei bambini. Sono comportamenti che rimandano a quelli da Far west che non appartengono di certo alla nostra cultura. Sono certa che le autorità competenti stiano svolgendo un buon lavoro investigativo e che il colpevole di questo reato venga punito con la giusta pena. E continua: «Il 30 agosto 2017 abbiamo approvato in consiglio comunale il “regolamento comunale per la tutela ed il benessere degli animali” in collaborazione tra assessorato ai Servizi sociali e quello alla sicurezza che fa capo all’assessore Maurizio Corso». Il caso di Roccia, cucciolo di un anno, ucciso da una fucilata alla schiena nel giardino di famiglia, ha fatto molto scalpore, oltre alle associazioni animaliste, proprio per il fatto che è stato violato lo spazio familiare di una casa privata. Restano senza risposta tante domande. •

Giancarla Gallo
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1