CHIUDI
CHIUDI

11.02.2019

Angelina la centenaria ha letto tutta la Bibbia

Angelina «Gina» Righetti e i quattro figli FOTO PECORA
Angelina «Gina» Righetti e i quattro figli FOTO PECORA

L’anno scorso era stata previdente e ironica, Angelina «Gina» Righetti in Processali. «Festeggiamo i 99, che proprio pochi non sono, poi si vedrà quanto tempo Dio vorrà donarmi ancora» aveva detto. Era la sua prova del secolo, in un certo senso. Un anno è passato e ieri, 10 febbraio, Angelina il secolo lo ha compiuto per davvero. Dimostrando ancora una memoria prodigiosa da cui i ricordi affiorano con delicatezza, sguardo affettuoso e tanta riconoscenza per i doni della vita. È stata festa grande, per lei e i suoi familiari: i figli Clara, Claudio, Nadia e Patrizia, avuti con il marito Adelino, 11 nipoti, sette pronipoti e altri parenti si sono ritrovati tutti alla trattoria La Lumiere di Prun per stare insieme alla mamma, alla nonna e alla bisnonna. «Mi godo, nel vedere tutti uniti», spiega Angelina. Parla sempre in tono sommesso, ma ascoltarla è un vero piacere. Sabato, nella sua casa a Negrar, ha ricevuto gli auguri dal sindaco Roberto Grison e dal suo vice Fausto Rossignoli. I due amministratori le hanno donato per conto del Comune un mazzo di fiori e una pergamena con l’augurio di tutta la comunità per i suoi «100 anni di saggezza e di esperienza, una strada lunga accompagnata dalla bellezza dei sentimenti e delle parole». Da sempre, infatti, la signora Righetti scrive poesie e mette in versi emozioni, paesaggi, sentimenti. I suoi figli non sono da meno e per il centenario della mamma hanno dimostrato che buon sangue non mente: «Nella tua vita ne hai passate tante, ma sei sempre stata un combattente», hanno scritto su una pergamena ricordo. «Tu sei la nostra guida, il nostro conforto, la radice alla quale aggrapparci quando il fiume della vita ci trascina lontano…».L’altro ieri, inoltre, sono passati da casa sua per farle gli auguri di compleanno anche il giovane curato della parrocchia di Negrar, don Pablito Ferreira, paraguaiano ormai da 13 anni a Verona, e suor Clara, che va a trovare lei come altri anziani del paese ogni 15 giorni. «Ho letto tutta la Bibbia, tutta quanta», li avverte Angelina. La fede non le manca, anzi. Come il sorriso. •

C.M.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1