CHIUDI
CHIUDI

24.01.2019

Amarone: vetrina per quaranta produttori

Una passata edizione della manifestazione dedicata all’Amarone
Una passata edizione della manifestazione dedicata all’Amarone

Vino, bellezza e solidarietà. Sono gli ingredienti della quarta edizione della «Vetrina dell’Amarone» che si terrà sabato 23 e domenica 24 marzo ad Arbizzano, nella settecentesca villa Mosconi Bertani di Novare messa a disposizione dalla famiglia Bertani. L’evento dedicato al famoso vino rosso veronese della Valpolicella Classica, che ospiterà quaranta banchi d’assaggio di altrettanti produttori e nella prima giornata anche un’asta benefica, è stato ideato dall’amministrazione Grison nell’ambito della rivisitazione del tradizionale Palio del Recioto, divenuto ora «Palio del Recioto e dell’Amarone». Per la prima volta, però, quest’edizione della Vetrina è organizzata dall’assessorato a turismo e promozione del territorio del Comune, guidato da Camilla Coeli, insieme a Mediawine e ai sommelier Gianluca Boninsegna, Enrico Fiorini e Marco Scandogliero (video su larena.it). «Con questa manifestazione vogliamo riaffermare il fondamentale legame tra il brand Amarone e il territorio della Valpolicella Classica», spiega l’assessore Coeli. «Inoltre», prosegue, «vogliamo esaltare questo vino simbolo del made in Italy nel mondo facendo in modo che le cantine possano raccontare la loro storia a esperti e appassionati». «Del resto», continua Fiorini, «il vino è bellezza e della bellezza c’è tanto bisogno. Sette persone su cento, nel Veronese, lavorano nel mondo del vino e questo mondo deve essere comunicato affinché se ne conoscano le potenzialità». ASTA BENEFICA. La Vetrina aprirà i battenti sabato 23 marzo alle 17 con un appuntamento divenuto imperdibile per molti nel corso delle varie edizioni: l’asta benefica in cui saranno battute preziose annate di Amarone. Saranno offerte sia dai produttori presenti all’evento sia da altre cantine che non partecipano alla due giorni, ma che vogliono contribuire alla buona causa. Tra i donatori sono attesi infine, come in passato, generosi cittadini con cantine private ben fornite. «Il ricavato dell’asta, nel 2018 destinato ai comuni terremotati del Centro Italia, verrà devoluto quest’anno alla parrocchia di Negrar per la nuova “Casa famiglia” che accoglierà persone in difficoltà e disabili», annuncia il sindaco, Roberto Grison. NOVITÀ 2019. I tre esperti di vini Boninsegna, Fiorini e Scandogliero, campioni regionali Ais in annate diverse, daranno il loro tocco passando dalla supervisione delle degustazioni dell’Amarone di quaranta cantine operanti nei cinque comuni della Valpolicella Classica (Negrar, Fumane, Marano, San Pietro in Cariano e Sant’Ambrogio) alla conduzione delle cinque Masterclass (una per ogni territorio) in cui per due ore si parlerà di uve, tecniche, visioni. Dando voce a chi, il vino, lo produce. «Saranno momenti d’incontro culturale, per tutti, non lezioni», garantisce Scandogliero. «Ogni Amarone è diverso, frutto di un determinato territorio e dell’idea che ne ha il produttore». Aggiunge Boninsegna: «Un evento dedicato solamente all’Amarone Classico nella zona in cui viene prodotto è unico nel suo genere e abbiamo accolto volentieri l’invito del Comune». INGRESSI. Sabato 23 marzo la «Vetrina dell’Amarone» sarà aperta dalle 18 alle 22. Domenica 24 marzo si partirà alle 11 e si chiuderà alle 20. Il biglietto d’ingresso costa 25 euro e sono previste riduzioni per sommelier e ristoratori. Circa un mese prima, partirà la prevendita dei biglietti con prezzi scontati. Partecipare a una Masterclass costerà 50 euro, cifra comprensiva del biglietto d’ingresso all’evento. Sono già 25 le aziende vinicole che si sono iscritte e parteciperanno all’evento (info e iscrizioni all’indirizzo e-mail vetrinaamarone@mediawine.eu). •

Camilla Madinelli
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1