CHIUDI
CHIUDI

24.12.2018

Minaccia la madre, «evade» e va in carcere

I carabinieri della stazione di Bussolengo che hanno arrestato nuovamente il ventiduenne
I carabinieri della stazione di Bussolengo che hanno arrestato nuovamente il ventiduenne

Ancora guai per Z.B., il 22enne di Villafranca che la scorsa settimana era stato arrestato dai carabinieri della stazione di Bussolengo per resistenza a pubblico ufficiale. Al termine dell’udienza di convalida, celebrata venerdì in Tribunale a Verona, il giudice Claudio Prota aveva disposto nei suoi confronti la misura cautelare degli arresti domiciliari in attesa del processo che sarà celebrato nel 2019. Ma la permanenza nell’alloggio che il ragazzo condivide in paese con la madre è durata appena 24 ore. E, dopo una serata movimentata, in cui ha dato in escandescenze, è finito nel carcere di Montorio. Nella tarda serata di sabato, la mamma del ragazzo ha allertato i militari della stazione locale per chiedere aiuto in quanto Z.B., nel corso di un’accesa discussione, l'avrebbe minacciata con un coltello per poi allontanarsi da casa. I carabinieri si sono precipitati immediatamente nell’abitazione per poi mettersi subito alla ricerca dell'evaso. Il quale è stato rintracciato di lì a poco nell'abitazione di un conoscente, sempre a Bussolengo. A quel punto, il 22enne è finito nuovamente in arresto con l’accusa di evasione. Ieri mattina, quindi, è stato ricondotto dinanzi al giudice di Verona che, oltre a convalidare le operazioni eseguite, questa volta ha disposto a carico di Z.B. la misura della custodia in carcere. Ora il ragazzo di trova detenuto a Montorio. La posizione del giovane si è perciò ulteriormente aggravata dopo che nei giorni scorsi i militari l’avevano rintracciato davanti al kebab di via Dante Alighieri a Bussolengo. Il 22enne stava mangiando un panino come se niente fosse. In realtà, era reduce da due colpi, una rapina prima e uno scippo poi, commessi solo pochi minuti prima. La pattuglia è stata costretta ad inseguirlo ed era riuscita a fermarlo dopo aver subito un’aggressione a suon di calci e pugni. Nei suoi confronti scattò il primo arresto culminato negli arresti domiciliari mentre il 22enne è stato denunciato a piede libero sia per la rapina che per lo scippo. La serata «trasgressiva» di Z.B. era iniziata giovedì nel piazzale Lo Zodiaco quando aveva strattonato un veronese pur di rubargli il borsello. La vittima provò a reagire ma, in base alle indagini degli inquirenti, il 22enne l’avrebbe aggredita sia verbalmente che alzando le mani, allontanandosi poi a piedi. Dopodichè il ragazzo si sarebbe spostato in piazza Vittorio Veneto. In questo caso, avrebbe strappato ad un uomo gli occhiali che indossava per poi dileguarsi. Senza andare però lontano. Si è fermato infatti al Kebab dove è stato rintracciato dai carabinieri. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1