CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

02.12.2018

Il Sacro Cuore di Negrar è amico dei bambini

L’ingresso della pediatria dell’ospedale di Negrar
L’ingresso della pediatria dell’ospedale di Negrar

Ospedale amico dei bambini. È il titolo che l’Unicef riconosce all’ospedale Sacro Cuore Don Calabria ufficializzandone così l’impegno in promozione, protezione e sostegno all’allattamento materno. La cerimonia di nomina si terrà martedì, alle 14, nella sala convegni Perez. Per ottenere il riconoscimento il Sacro Cuore Don Calabria ha attuato un percorso iniziato nel 2012 e formato oltre 300 operatori impegnati a vario titolo nell’informazione e nella cura della donna dalla gravidanza ai primi mesi di vita del bambino, sostenendo anche le donne che per motivi medici o per scelta non allattano al seno. In Veneto dal 2010, nel Piano di prevenzione della Regione, è stato inserito il programma «Ospedali e Comunità Amici del Bambino Oms-Unicef - Coordinamento e sviluppo della rete per l’allattamento materno» che ha l’obiettivo di accompagnare nel percorso di riconoscimento Unicef i 26 ospedali veneti e le quattro comunità territoriali oggi aderenti all’iniziativa. Attualmente, su 27 ospedali riconosciuti in Italia, sette sono veneti e tre appartengono all’Ulss 9 Scaligera: sono gli ospedali di San Bonifacio, Bussolengo-Villafranca e ora Negrar. Alla cerimonia di martedì interverranno per l’Unicef il presidente provinciale Norberto Cursi, Elise Chapin del coordinamento del programma Italia Insieme per l’allattamento, il coordinatore operativo del Programma regionale Ospedali e Comunità Amici del bambino Oms/Unicef Chiara Bosio, la consulente tecnico-scientifico dello stesso programma Elisa Pastorelli; per l’ospedale di Negrar l’amministratore delegato Mario Piccinini, i direttori della Ginecologia e ostetricia Marcello Ceccaroni e della Pediatria Antonio Deganello, la pediatra Ermanna Fattori. L’iniziativa internazionale «Baby Friendly Hospital - Ospedale amico dei bambini» è stata lanciata nel 1991 dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) e dal Fondo delle Nazioni Unite per l’Infanzia (Unicef) per assicurare che tutti gli ospedali accolgano nel miglior modo possibile i bambini neonati divenendo centri di sostegno per l’allattamento.

Camilla Madinelli
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1