CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

29.12.2017

Il paese e le frazioni si faranno belli con mezzo milione

Giancarla Gallo Il 2018 sarà un anno fondamentale per il Comune di Dolcè e gli altri territori interessati dal Fondo Comuni confinanti, istituito con una legge del 23 dicembre 2009 con compartecipazioni di Regione Veneto e altri enti. «Entro il primo marzo», spiega Massimiliano Adamoli, sindaco di Dolcè, «dovremmo presentare una proposta di progetto finanziabile dal fondo per 500mila euro, la quota 2018 destinata pro capite a ciascuno dei 48 comuni di confine. E così potranno fare gli altri municipi interessati», prosegue il primo cittadino che è rappresentante per la Provincia di Verona nel comitato paritetico presieduto dall'onorevole Roger De Menech. «Dopo avere completato la realizzazione dei servizi ritenuti prioritari dalla nostra amministrazione come il completamento del sistema fognario e l'estensione su tutto il territorio comunale della rete gas metano, l'adeguamento alla normativa antisismica e di efficienza energetica di tutti i plessi scolastici con relativo ampliamento e riqualificazione», prosegue Adamoli, «in questa fase del mandato conferitoci dai cittadini, secondo quanto indicato nel programma elettorale del nostro gruppo Paese Mio, stiamo attuando progressivamente i progetti di abbellimento dei nostri centri storici e di efficienza energetica della pubblica illuminazione. Questo grazie anche all'utilizzo del fondo Comuni confinanti secondo lo spirito per cui è stato approvato». Adamoli evidenzia ancora: «Questa misura è nata con lo scopo di valorizzare lo sviluppo economico e sociale, l'integrazione e coesione dei territori montani al fine di evitarne lo spopolamento». Il comitato paritetico, di cui il sindaco di Dolcè fa parte come rappresentante della Provincia di Verona, è composto dai presidenti della Provincia di Trento Ugo Rossi e Bolzano Arno Kompatscher, il sottosegretario della Regione Lombardia Ugo Parolo, il presidente del Consiglio regionale veneto Roberto Ciambetti, il presidente della Provincia di Belluno Roberto Padrin, il presidente della Provincia di Sondrio Luca della Bitta, il sindaco di Magasa Federico Venturini e il sindaco di Valli nel Pasubio Armando Cunegato. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1