CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

14.04.2018

Ricercatori di Lipsia in grotta a Fumane
per raccogliere il Dna dell'uomo preistorico

Con guanti sterilizzati e cuffie, la dottoressa Viviane Slone e la dottoranda Elena Zavala del Dipartimento di Genetica dell’Istituto di Antropologia Evolutiva del Max Planck Society di Lipsia, hanno prelevato nella Grotta di Fumane 160 microcampioni di sedimento per l’estrazione del Dna umano.

 

“Si tratta di una tecnica rivoluzionaria” ha spiegato il professor Marco Peresani di Scienze Preistoriche ed Antropologiche dell’Università di Ferrara, “che vuole far luce sulla sequenza di passaggio tra l’Homo di Neanderthal e l’Homo sapiens. Un’ indagine molto delicata e lunga, per cui le risposte si avranno a dicembre”.

 

Quest’anno si festeggia il trentennale di scavi nella Grotta di Fumane da parte dell’Università di Ferrara, sito archeologico che non smette di sorprendere per il valore dei suoi ritrovamenti.

Giancarla Gallo
Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1