CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

18.03.2018

Ciao bella Anna Addio commosso per la partigiana

I funerali di Anna Pozzani Ugolini FOTO AMATO
I funerali di Anna Pozzani Ugolini FOTO AMATO

Un applauso molto commosso, rose rosse e Bella ciao hanno accolto il feretro di Anna Pozzani Ugolini all’uscita dalla chiesa dopo i funerali. Chiesa gremita, fasce tricolori di sindaci e rappresentanti dell’ Associazione partigiani d’Italia (Anpi) col loro gagliardetto, ex alunni, l’intervento di una maestra che ha ricordato con quanta attenzione i bambini ascoltavano Anna quando raccontava come si viveva durante la guerra, della paura, dei rischi per la vita, del desiderio di libertà e giustizia. Così se ne è andata l’ultima staffetta partigiana della Valpolicella, una donna che, in bicicletta, portava messaggi al gruppo partigiano «Aquila», su ingaggio del fidanzato e futuro marito Vittorio Ugolini. Persona schietta, semplice, molto amata, fonte preziosa e diretta di testimonianze storiche, la Pozzani ha collaborato moltissimo con Gianluigi Miele, Valentina Catania, Pierpaolo Brugnoli nella ricostruzione dei fatti storici, di come si svolsero le azioni partigiane in Valpolicella. In particolare, diede il suo aiuto puntuale nella riedizione del testo di Carla Bettei E noi ancora, fornendo una serie di notizie inedite che riguardavano lei, la sua famiglia, Vittorio Ugolini e Luigi Ugolini. Il suo impegno culturale e civile è continuato negli anni anche nell’Associazione r-Esistenze, associazione di donne partigiane antifasciste. Anna ha vivacemente collaborato con l’associazione Documenta, presente sempre alle serate di proiezione dei filmati storici di Memoria Film Festival, con il Concorso dedicato al marito «Vittorio Ugolini», pronta ad esprimere il suo pensiero carico di umanità, di intensi ideali e di speranza nel futuro e nei giovani. L’ultimo suo contributo si trova nel testo, di recente pubblicazione, Voci di partigiane venete, a cura di Maria Teresa Sega, che raccoglie le testimonianze di 34 partigiane venete, tra cui quella di Anna. Il testo sarà presentato a fine maggio anche a Fumane che, con affetto, si unisce al dolore della famiglia. «Ma se l’ultima staffetta partigiana fumanese ci ha lasciato, sappiamo raccogliere il suo testimone: ora tocca a noi, con responsabilità, continuare, e forse rafforzare, l’impegno civile per un mondo più libero, più democratico e solidale», ha dichiarato il consigliere comunale Paola Nicolis, figlia del partigiano Pietro Nicolis, detto «Obice». Anche il professor Maurizio Zangarini, ex direttore dell’Istituto per la Storia della Resistenza ed autore di diversi libri e pubblicazioni, sottolinea l’importanza di Anna Pozzani e di Vittorio Ugolini per l’attività e l’impegno profusi. A loro verrà intitolata la sezione Anpi di Fumane. •

Giancarla Gallo
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1