CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

06.10.2017

E' calato il numero
dei furti segnalati
attraverso Facebook

Furti in casa
Furti in casa

"In questo 2017 sul gruppo Valpolicella Sicura, ormai giunto a quasi 10mila iscritti, si è registrato un sostanziale calo delle segnalazioni del numero di furti”. Lo dice Nicolò Ceradini, amministratore del gruppo che si trova sia su Facebook che su Instagram. "Se nel 2016 in certi mesi si contavano anche quattro-cinque segnalazioni al giorno, un vero e proprio bollettino di guerra, quest’anno si è registrato un calo. Merito degli uomini in divisa, che pur essendo in numero decisamente insufficiente, si attivano ed intervengono immediatamente non appena chiamati”, continua Ceradini, “anche in occasione della vendemmia, periodo nel quale generalmente si intensificano i furti, non si è notato incremento. Un buon risultato. Ma non bisogna abbassare la guardia, né allentare l’attenzione”.

 

E’ di questi giorni, infatti, l’ennesimo tentativo di furto in un’azienda agricola vicino a Villa Girardi con cattura del ladro colto in flagrante dal proprietario, processato per direttissima e rilasciato immediatamente. “Il fatto ha scatenato la rabbia della gente, che si sente indifesa”, continua Ceradini, “si tratta dell’ennesimo caso di fallimento della giustizia, di un ladro, pieno zeppo di precedenti, colto in flagranza di reato nella abitazione di chi già aveva visto per sei volte la propria casa violata. Un delinquente arrestato e il giorno dopo libero con solo l’obbligo della firma e della residenza a Verona: chissà a quale casa andrà a far visita domani. Serve un giro di vite: più soldi e mezzi a polizia e carabinieri; leggi serie, chiare e severe per assicurare i ladri alle galere; espulsione degli stranieri che delinquono, anche per rispetto di chi non è italiano, ma è qui per lavorare e si comporta bene”.

Giancarla Gallo
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1