CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

17.07.2017

Corgnan, il quartiere più antico
si regala due giorni in più di festa

Da lungo tempo comitato di Corgnan significa impegno, lavoro, tenacia, iniziative culturali e benefiche, non solo festa. Ma la Sagra del quartiere più vecchio di Sant’Ambrogio di Valpolicella segna comunque l’apice delle numerose attività. Dall’anno scorso vi è un nuovo comitato con tanti obiettivi in cantiere. Il nuovo presidente è il giovane Alessio De Beni che esordisce: «Non senza qualche nube all’orizzonte, siamo giunti all’edizione numero 34. Sembra ieri quando abbiamo iniziato a far festa nel quartiere. In questo periodo di caldo soffocante abbiamo lavorato e ormai tutto è pronto. Il nuovo comitato è pieno di entusiasmo e di tante buone idee. Devo ringraziare tutti i componenti, con i quali abbiamo stabilito di aggiungere due giorni in più alla sagra, il 26 luglio, il 4 agosto e abbiamo arricchito anche il 5 agosto, giorno della patrona di Corgnan».

Se Sant’Ambrogio, in alcune mappe compare nel XIII secolo, l’abitato di Corgnan è invece attestato nell’842, ma l’insediamento abitativo risale all’epoca romana. La festa trae le sue origini da un capitello dedicato alla Vergine Assunta che faceva da confine con la proprietà dei Conti Serego Alighieri, datato 1608 e in anni recenti consacrato alla Beata Vergine della Neve, la cui memoria liturgica è il 5 agosto. Il quartiere, oggi molto popoloso e in continua espansione, ha origini antiche. Gli studiosi fanno risalire il toponimo di Corgnan al nome latino Cormanum e il termine potrebbe indicare qualche insediamento riguardante la suddivisione della proprietà agraria nel territorio in questione.

«Il toponimo», riferisce lo studioso locale e membro del comitato Paolo Zanchetta, «è citato in un testamento redatto il 9 settembre 842 dall’arcidiacono Pacifico e dalla sorella Ansa, in riferimento alla costruzione di una casa- ospedale a Quinzano che viene dotata di beni, fra i quali una casa colonica ubicata nella località di Cormanum, oggi Corgnano».

Zanchetta quattro anni fa ha pubblicato un libro come contributo a una storia del paese. Nell’opuscolo della sagra di quest’anno si sofferma sui beni perduti e rimasti nel paesaggio culturale ambrosiano, una ricerca molto interessante.

La manifestazione, patrocinata dal Comune di Sant’Ambrogio, inizia mercoledì 26 luglio alle 21 con Corgnan sotto le stelle: cinema all’aperto, con proiezione del film Sing; giovedì 27 serata per giovani artisti musicisti «Area 119 – Suoni Indipendenti», giunta alla quinta edizione e sostenuta da dDiversi imprenditori; venerdì 28 alle 19,30 la corsa su strada in circuito Memorial Jacopo Oliosi (iscrizioni prima della gara, dalle 18 alle 19,15, per ulteriori informazioni e iscrizioni: Daniele, 392.2204971) e alle 21 serata musicale con i gruppi rock HO Duccio & The Rags; sabato 29 luglio alle 21 ontrattenimento e ballo con l’orchestra Michele Bovo Band; domenica 31 luglio alle 21 serata danzante con l’orchestra Susanna Pepe ed estrazione dei numeri vincenti della sottoscrizione a premi. Venerdì 4 agosto alle 21 seconda edizione di «Wild Vibrations» con l’associazione Celis Australis – Amici di Marco; sabato alle 20 messa al capitello della Madonna della Neve e alle 21 Corgnan sotto le stelle; spettacolo teatrale degli Attori Persi e Sparsi: Ex...passati non risolti e non risolvibili.

Mirco Franceschetti
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1