Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
sabato, 21 aprile 2018

Circolo La Baita solidarietà a getto continuo

Damiano Tommasi, a sinistra, alla presentazione delle attività del Circolo La Baita (BATCH)

Camilla Madinelli Divertimento per grandi e piccini, impegno sociale costante verso i meno fortunati. Occasioni culturali per tutti, dalla storia alla cinematografia, e approfondimenti specifici per genitori in modo da sostenerli nel loro compito educativo. Cene a base di piatti della tradizione, laboratori e feste in musica. Sa proporre iniziative variegate e unire diverse realtà locali, a Santa Maria di Negrar, il Comitato Sagra Santa Maria Circolo La Baita. Senza mai dimenticare le emergenze, come nel caso delle popolazioni terremotate del Centro Italia. Tanto che aiuta mensilmente ad Ancarano di Norcia, in Umbria, dal maggio scorso fino all’aprile 2020, una giovane mamma e la sua bimba di 15 mesi rimaste senza casa a causa del sisma. Il presidente del Comitato Sagra Santa Maria Circolo La Baita, Francesco Zantedeschi, insieme al suo vice Andrea Zonzini, durante le feste alla Baita della Comunità ha fornito gli ultimi dettagli sul progetto triennale «Famiglia di Ancarano» e presentato il fitto calendario 2018 di eventi ricreativi, culturali, sportivi, enogastronomici, per bambini, giovani, famiglie, che si aprirà con la festa dell’Epifania. Testimonial d’eccezione il calciatore Damiano Tommasi, presidente dell’Aic (Associazione italiana calciatori), amico del circolo di Santa Maria e cittadino della Valpolicella impegnato tanto nello sport quanto nel sociale. A confermare le proficue collaborazioni con il Comune di Negrar e l’Associazione Genitori Negrar sono intervenute, alla presentazione in Baita, l’assessore ai servizi sociali Ulyana Avola e la vice presidente dell’Agn, Franca Righetti. I rapporti sono stretti e collaborativi anche con la biblioteca comunale e la parrocchia di Santa Maria. «Ancarano è un paese montano di un centinaio di abitanti duramente colpito dal terremoto, con abitazioni crollate o inagibili», spiega Zantedeschi. «Aiutiamo la piccola Viola e la mamma con un bonifico mensile destinato direttamente alla parrocchia di Ancarano e dell’ Abbazia di San Eutizio». Non è tutto qui: a metà dicembre Zantedeschi e altri volontari sono andati ad Ancarano a consegnare un regalo di Santa Lucia a Viola e un sostegno economico straordinario alla mamma, raccolto tra i soci frequentatori del Circolo. «Senza la generosità di tante persone, oltre a quella di sponsor che ormai per noi sono amici, non potremmo fare tutto quello che facciamo», sottolinea il presidente del Comitato. Poi ricorda il ruolo avuto dal parroco di Ancarano, don Luciano Avenati, nel definire il progetto, e prima ancora quello dell’arcivescovo di Norcia Spoleto, monsignor Renato Boccardo. •