CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

11.07.2017

La piccola cantrice
di melodie antiche
Rachele incanta la chiesa

Rachele Rozza di Selva di Progno
Rachele Rozza di Selva di Progno

Un delicato e intenso concerto, nella chiesa parrocchiale di Velo, ha coronato la 28ª edizione della Festa dei cimbri veronesi, grazie a «L’angòana Seràlda», spettacolo di musiche e canti dei cimbri della Lessinia, dedicato a Pietro Piazzola, indimenticato maestro e autore. Protagonista è stata l’undicenne Rachele Rozza, di Selva di Progno, che ha retto magnificamente un’ora di concerto tutta su canti cimbri, accompagnati da Emanuele Zanfretta (fiati), Lorella Baldin (viola), Paolo Caneva (tastiere).

In maniera elegante, semplice, senza alcun timore, modulando la voce con forti e pianissimi, ha reso bene l’idea di melodie antiche, ovattate e soffuse come la Ninna Nanna o divertenti e vivaci come Kan Ljetzan, un capodanno a Giazza, «è la canzone che preferisco per melodia e parole», rivela la giovane cantante, che ha eseguito tutti i testi in cimbro a memoria, senza copione davanti. «Non è difficile, li ho imparati a scuola e mi sono divertita», dice con naturalezza.

Il suo maestro è stato Emanuele Zanfretta che ha composto le musiche su brani tratti dalla tradizione raccolta dai fratelli Cipolla nell’Ottocento e scritti recentemente da Antonia Stringher, sulla scorta di favole, leggende o storie raccontate dai vecchi di Giazza.

Il risultato è piaciuto ed è stato calorosamente applaudito dai tanti che hanno affollato la chiesa.

«Sono musiche ispirate alla Lessinia, ma non sono cimbre», precisa l’autore, «perché ricalcano melodie popolari e di tendenza nordica. I testi sono stati appresi dai ragazzi nel corso del progetto partito quand’erano ancora in seconda elementare, sfruttando la ripetizione orale come si insegnava un tempo».

Di Rachele dice che è veramente un talento naturale, per come vive e sente la musica «e dal prossimo autunno, che affronterà la scuola media, mi auguro che voglia continuare a coltivare la sua voce e la sua passione», conclude Zanfretta.V.Z.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1