CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

12.04.2018

Si è spento fra’ Pacifico Stasera messa ricordo

È morto lunedì nel convento-infermeria dei frati cappuccini di Conegliano, fra’ Pacifico Scardoni, nato 83 anni fa a Roverè da Domenico e Santa Tezza. Luigi, come si chiamava da bambino, era il maggiore di quattro figli, di cui le due sorelle Teresa e Livia sono ancora viventi. Di umili origini contadine, aveva chiesto di entrare tra i francescani di Lendinara (Rovigo) a 28 anni, cominciando l’attività di frate questuante a Thiene per un anno, poi a Lendinara dove rimase 33 anni fino al momento del ricovero nell’infermeria due anni fa, dopo essere stato anche ad Asolo e Udine. Restò sempre semplice religioso, senza mai aspirare a studi o ad altri incarichi, facendo del suo lavoro di questuante una missione, soprattutto nel centro polesano che lo adottò conferendogli nel 2016, con voto unanime in Consiglio, la cittadinanza onoraria per essere «illuminato esempio, nelle parole e nel comportamento, di carità, sensibilità e straordinario dinamismo, riferimento di spiritualità e di solidarietà». Fu frate innamorato della sua vocazione portatore del Vangelo e dello spirito francescano di casa in casa, dove entrava con il saluto di «Pace e bene» e usciva con la carità lasciando in cambio conforto, convinto che è più importante dare che ricevere. I confratelli lo ricordano anche come «giullare di Dio», perché si dilettava a comporre canzoni, in cui narrava la gioia della vocazione e della vita cappuccina. Davvero contento di servire Dio e i fratelli, in letizia, fu autentico frate minore sull’esempio di Francesco d’Assisi. A Roverè lo ricordano che tornava ogni estate ad aiutare il fratello nel lavoro dei campi: si alzava presto, partecipava alla messa e poi era sui prati a rastrellare il fieno sotto il sole cocente e con il suo saio sempre addosso: «Mia madre gli chiedeva di mettersi in abiti civili per soffrire meno il caldo, ma non ha mai abbandonato il saio», ricorda la nipote Valeria, «e anche d’inverno veniva con i suoi sandali e a piedi nudi a trovarci, magari camminando nella neve. Erano inutili le proteste perché si facesse riguardo della sua salute. Quel poco che riceveva dai familiari era per chi era più povero di lui. L’ultima volta era venuto a ottobre, per lasciare il suo testamento spirituale in mano alle sorelle e al parroco, dicendo: «Sono sereno. Pronto ad andare incontro al Signore perché ho fatto quello che mi ha chiesto». Amava tantissimo i bambini e non si presentava mai a mani vuote da loro, una caramella usciva sempre dal suo saio e la sua gioia era vedere il loro sorriso», aggiunge Valeria che racconta la semplicità della sua cella: un crocefisso, una foto della famiglia, delle lettere e dei foglietti con poesie che gli amici gli avevano dedicato. I funerali questa mattina nel duomo di Santa Sofia a Lendinara, dove sarà sepolto, e a Roverè alle 20 verrà celebrata una messa di suffragio con il parroco e tre confratelli francescani. •

V.Z.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1