CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

20.07.2018

Strada Campofontana Partite le prime ruspe

Iniziati i lavori per la stesura del manto bituminoso FOTOAMATO
Iniziati i lavori per la stesura del manto bituminoso FOTOAMATO

È arrivata la parola fine alla polemica sulle strade provinciali Sp 17A e 17ADir da San Bortolo a Campofontana e dalla contrada Roncari al confine con la Provincia di Vicenza, entrambe nel territorio di Selva di Progno, che hanno visto in questi giorni l’avvio dei lavori per la stesura di un nuovo manto bituminoso. Questa opera potrebbe concludersi entro questa settimana, se le condizioni meteo resteranno favorevoli così come sta succedendo in questi giorni. Sfruttando una variante tecnica del progetto, la Provincia è riuscita ad anticipare da settembre i lavori di fresatura e ripavimentazione di 3,5 chilometri per un impegno di spesa di 200mila euro. A lavori conclusi verrà tolta la segnaletica verticale, che impone i divieti e le limitazioni decisi a maggio, installati dopo un’ordinanza del settore Viabilità della Provincia, con il divieto di transito a cicli, ciclomotori e motocicli e di riduzione del limite di velocità per le auto a 30 km/h. Il rinvio dei lavori a dopo l’estate e la posa dei cartelli che erano stati anche oggetto di vandalismo appena sistemati, avevano scatenato le ire dei cittadini e le proteste dell’amministrazione comunale, che aveva insistito perché l’intervento fosse anticipato a prima dell’estate e dell’inizio della stagione turistica. Le condizioni della pavimentazione, gravemente deteriorata da neve, gelo, pioggia dello scorso inverno erano tali da non poter garantire l’incolumità, in particolare a chi viaggiava su due ruote. Sul posto, per una verifica dei lavori su sono recati il presidente della Provincia Antonio Pastorello con il suo vice Pino Caldana, accolti dal sindaco Aldo Gugole e dall’assessore Mauro Dal Zovo. Dopo le tensioni dei mesi scorsi, il sindaco è soddisfatto anche perchè vede accolta la richiesta di anticipare la sistemazione delle strade prima del grande esodo estivo, quando le località della Lessinia orientale sono meta di un consistente flusso turistico anche dalle province vicine a quella veronese. «Era davvero un intervento atteso dai turisti, dai residenti, da chi frequenta queste zone», commenta il sindaco Aldo Gugole, «era una situazione insostenibile per la quale abbiamo fatto di tutto: lettere, sollecitazioni, articoli. Alla fine il presidente Pastorello, che ringraziamo, ci ha ascoltati. Abbiamo capito che è stata una questione di tempi per istruire la pratica, ma ora i lavori sono partiti e si concluderanno in settimana. Da anni chiediamo di intervenire anche sul tratto fra Bolca e Sprea in località Venchi, dove una ventina di metri sono franati e la carreggiata è ristretta da transenne. Contiamo di ricevere presto una risposta rassicurante anche su questo nodo spinoso del traffico nella zona troppo spesso trascurata», conclude Gugole. Sono stati fatti salti mortali per anticipare i lavori ma alla fine Pastorello ha fatto il miracolo: «Giustamente», dice, «la gente pretende una manutenzione costante e continua delle strade. Ma gli asfalti si fanno d’estate. Certo bisogna studiare formule che aiutino ad accorciare i tempi di gara, ora troppo lunghi per chi da politico vuole gestire in modo efficiente il nodo delle strade. Almeno qui siamo arrivati e siamo soddisfatti», conclude il presidente. Prima, però, vuole togliersi un sassolino dalla scarpa nei confronti di quanti criticano e basta: «Ci mettiamo la faccia e quando diciamo una cosa, quella facciamo. Rispettiamo i termini e la parola data. Rispettiamo i sindaci e i cittadini: i cialtroni che vogliono criticare, li lasciamo fare ma noi operiamo con l’obiettivo di soddisfare le esigenze di chi vive nella nostra provincia». «Abbiamo perso tanto personale con la scusa della mobilità, ma non lasciamo la presa e con chi è rimasto stiamo appaltando opere con maggior valore rispetto al passato», conclude il vicepresidente Caldana. •

V.Z.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1