CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

19.02.2018

Parco, dagli agguati alle buone pratiche

La Lessinia innevata: veduta del Carega dal monte Tomba FOTO MOZZO
La Lessinia innevata: veduta del Carega dal monte Tomba FOTO MOZZO

Da troppo tempo si susseguono gli attacchi al Parco della Lessinia, con l’obiettivo di ridurne la superficie per poi ridurne la vita. È questa la tesi di Legambiente Verona, che ha deciso di organizzare un incontro per domani alle 17.30 a Verona alla Batteria di scarpa, in via San Zeno in Monte (di fronte al civico 21 B). Il titolo è inequivocabile: «Manovre e agguati intorno al Parco della Lessinia», con un richiamo: «Quando le buone pratiche in Italia portano al successo di un parco». «Il pericolo oggi viene dal progetto di legge della giunta regionale e dalla cosiddetta “delibera accontenta-Valdegamberi” che vuole tagliare della metà la superficie del Parco naturale regionale della Lessinia», spiega Legambiente nell’annunciare l’incontro aperto a tutti. Una questione aperta, perché Valdegamberi propone l’istituzione di aree nelle quali, pur con vincoli, si possa cacciare. «L’arretratezza di questa strategia è dimostrata dalle esperienze di altri parchi italiani che hanno messo a frutto lo status di area protetta per combinare la missione di tutela naturalistica con l’obiettivo di far crescere un’economia montana auto sostenibile. Nell’incontro faremo luce su alcuni aspetti della vita amministrativa, economica quasi trentennale del parco e sulla inconsistenza giuridica dei presupposti della proposta di legge della giunta regionale veneta». Di questo parleranno Angelo Mancone, responsabile aree protette Legambiente Veneto («Tra tagli e cancellazioni: lo stato dei fatti per il Parco della Lessinia») e Chiara Tosi, responsabile giuridico della Lipu Verona («Arrampicarsi sugli specchi: le pseudo argomentazioni giuridiche della proposta della giunta regionale»). Sarà invece affidato ad Antonio Nicoletti, responsabile per Legambiente nazionale delle aree protette («Buoni parchi: si può, basta volerlo»), il compito di presentare casi virtuosi di parchi italiani e le prospettive della nuova legge nazionale sui parchi che potrebbe veder la luce nella nuova legislatura. •

V.Z.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1