CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

15.02.2017

Oggi l’incontro
con gli autori
in Accademia

La presentazione del libro «Oi cara mamma i baldi alpini van via», di Flavio Melotti e Gianmarco Lazzarini, è in programma oggi alle 17 all’Accademia di agricoltura, scienze e lettere di Verona nella sede di via Leoncino 6 (telefono 045.8003668). Sarà preceduta da un’introduzione del direttore del Parco naturale regionale della Lessinia Diego Lonardoni, in quanto l’incontro fa parte del ciclo organizzato in collaborazione con il parco e avviato già lo scorso dicembre. Ci sarà inoltre una relazione introduttiva da parte di Lino Vittorio Bozzetto sul tema de «La Lessinia nella Grande guerra».

La stessa Lessinia tornerà poi a far parlare di sé sempre in Accademia domani sempre alle 17, con Roberto Zorzin, conservatore della sezione di Geopaleontologia al Museo civico di Storia naturale di Verona, che illustrerà una campagna di scavi paleontologici in Transilvania e introdurrà Viviana Frisone che parlerà invece dei risultati di una ricerca multidisciplinare e internazionale sul Monte Duello in Val d’Alpone, custode di quella laguna pietrificata da cui nel 1875 emerse il Prototherium, il dugongo marino che si ammira in copia al Museo geopaleontologico di Roncà.

Cinque anni fa il sito è tornato di attualità con la scoperta della baia delle spugne, un'ampia parete a spugne che risale addirittura a 60 milioni di anni, oltre ad alcuni fossili di gasteropodi molto rari sono venuti alla luce nella vicina Valle della Chiesa. V.Z.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Il progetto del traforo è stato ridotto (niente camion e una sola canna). Tu cosa faresti?
Facciamo il traforo corto
ok