CHIUDI
CHIUDI

16.05.2015

L'«archistar» Kengo Kuma alla scoperta della Lessinia

L'archistar Kengo Kuma torna in Lessinia. con l'obbiettivo di realizzarvi un proprio progetto. Oggi, appena visitato l'Expo milanese (per il quale è autore di diverse strutture), l'architetto giapponese sarà a Verona, per un giro sull'altopiano: lo scopo è osservare l'antica architettura locale e la lavorazione della pietra. Ma non è da escludere che in futuro Kuma possa firmare un'opera nella terra di cui si è innamorato al primo sguardo, durante la visita del 2014.
Lo accompagneranno Vincenzo Marconi, presidente del Consorzio per la tutela della pietra della Lessinia, con il consulente Marco Marogna; Diego Lonardoni, direttore del Parco della Lessinia; Francesca Zivelonghi di Veronafiere e gli architetti Vincenzo Pavan e Guido Pigozzi.
Kuma, che una decina d'anni fa era stato insignito del premio Marmomacc per l'architettura in pietra, giungerà verso le 12.30 a Prun, per vedere le cave storiche. Poi salirà verso il monte Loffa, a Sant'Anna d'Alfaedo. Farà tappa a Fosse, pranzerà con prodotti tipici a Castelberto, e nel pomeriggio vedrà la Lessinia orientale.
Kuma, impegnato nel nuovo Centro congressi della Fiera di Padova, promuove un'architettura «a chilometri zero»: i materiali di costruzione devono essere reperibili a non più di 15 chilometri dal cantiere. E la tradizione della Lessinia vi risponde a pieno.L.CO.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1