CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

12.02.2017

Il cane della Lessinia conquista
anche la Fiera di San Valentino

Un esemplare di pastore della Lessinia e del Lagorai
Un esemplare di pastore della Lessinia e del Lagorai

Dopo la prima uscita alla fiera del bestiame di Erbezzo dello scorso settembre, che ha lanciato l’appello tra i possessori di cane pastore della Lessinia e del Lagorai per il riconoscimento della razza, oggi a Bussolengo, in occasione della Fiera agroalimentare di San Valentino c’è il raduno della prima razza canina veneta che si appresta a essere ufficialmente riconosciuta dall’Ente nazionale cinofilia italiana (Enci).

L’appuntamento è dalle 10 alle 17 al Foro boario e la Fiera di San Valentino è una scelta che testimonia la vera vocazione di questo infaticabile cane da pastore, simpaticissimo compagno nella vita di tutti i giorni, ma anche capace di accompagnare mandrie al pascolo e interi greggi in transumanza.

Il pastore della Lessinia e del Lagorai vanta origini antichissime, in quanto era presente sul nostro territorio già da epoca pre-romana e si era ampiamente diffuso su tutto il comprensorio delle Alpi orientali, prima che il progressivo abbandono dei mestieri pastorali e la moda dei cani d’importazione ne minacciassero seriamente l’e- stinzione.

Oggi la Società italiana pastore della Lessinia e del Lagorai è impegnata nel censimento della popolazione canina residua e proprio a tal fine ha organizzato una giornata interamente dedicata a esaminare tutti gli esemplari presenti, che saranno oggetto di attente misurazioni da parte degli esperti giudici Enci e di rilevazioni biologiche condotte in collaborazione con l’Università di Padova, che sta avviando uno studio scientifico sulla razza. V.Z.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Il progetto del traforo è stato ridotto (niente camion e una sola canna). Tu cosa faresti?
Facciamo il traforo corto
ok