CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

08.09.2018

Rievocazioni all’ecomuseo di Malga Pidocchio

Una precedente edizione della rievocazione a Malga Pidocchio
Una precedente edizione della rievocazione a Malga Pidocchio

La sezione veronese dell'Associazione Nazionale Alpini, dopo il grande successo delle precedenti edizioni, ripropone la giornata in grigio-verde all'ecomuseo delle trincee di Malga Pidocchio. Visite guidate, accompagnati da esperti e rievocatori, per conoscere la vita di trincea durante la Grande Guerra. L'appuntamento è fissato per domani. Sarà un libro di storia a cielo aperto. Un gioiello riportato alla luce quattro anni fa grazie all'impegno degli alpini veronesi che hanno voluto dare l'opportunità «di toccare con mano la vita di trincea dei loro Padri». Quei ragazzi che, esattamente 100 anni fa, sono stati impegnati nella Grande Guerra. In Lessinia, di battaglie e conflitti, non ce ne furono. Ma su quelle montagne sono stati centinaia e centinaia i giovani inviati ad aspettare un nemico invisibile che non arrivò mai. Ed è proprio quel senso della logorante attesa che si respira nel caposaldo di Malga Pidocchio, restaurato dai volontari della sezione veronese dell'Ana nell'agosto del 2014. Una perla visitata in media da oltre mille studenti di medie e superiori (anche da fuori provincia) ogni anno. Domani, la sezione salirà di nuovo sopra Erbezzo per un appuntamento ormai diventato tradizionale. Un tuffo nel passato insieme ai rievocatori storici che illustreranno nei minimi dettagli la vita di trincea, coordinati dal geometra-alpino Flavio Melotti che ha curato tutte le opere di ripristino. «Continua questa bellissima iniziativa», commenta entusiasta il presidente sezionale Luciano Bertagnoli, «è un modo per rivivere la storia e per continuare a ricordare i nostri ragazzi impegnati in quel conflitto». Alle 10 è previsto l'arrivo dei rievocatori in sfilata con le divise d'epoca. Dalle 10.30 alle 13, gli esperti della sezione accompagneranno i visitatori alla scoperta del caposaldo di Malga Pidocchio dove sono stati allestiti postazioni con materiale dell'epoca, un posto comando e un piccolo ospedale da campo. «Quest'anno è stata recuperata e riaperta anche la galleria che collegava la zona del ridotto di Malga Pidocchio alle varie trincee», annuncia Melotti. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1