Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
martedì, 20 febbraio 2018

Corbiolo teatro mette in scena Cenerentola

«Vai fanciulla...» è la riedizione in chiave moderna della favola di Cenerentola che la compagnia Corbiolo Teatro presenta per Carnevale con tre allestimenti: domani alle 21 e domenica alle 17 e alle 21 al teatro parrocchiale della frazione di Bosco Chiesanuova. È un appuntamento sempre atteso che la compagnia rispetta con rigore, occasione per cementare lo spirito di comunità, mettere in mostra i talenti dei compaesani e soprattutto far passare a grandi e piccoli una pausa di vera allegria e serenità. Il gruppo delle Testone, le menti pensanti per scrivere i testi, curare la regia, realizzare i costumi e le scenografie (Luigina Canteri, Susanna Contolini, Elena Dalla Valentina, Lucia Gandini, Sandra Gaspari, Marisa Perozeni e Franca Tomelini), come ogni anno si è messo all’opera per ideare e dirigere e questa volta ha deciso di valorizzare il lavoro già esistente, concepito dal gruppo di ragazzi del paese che si muovono sotto il nome di Uneasy Boys e ne hanno valorizzato il racconto adattandolo. Anche la favola di Cenerentola, che se sostanzialmente rispetta la trama del celebre racconto di Perrault e la trasposizione cinematografica di Disney, è stata ambientata in Lessinia, con personaggi reali o quantomeno entrati ormai nell’immaginario collettivo dei filò, con luoghi e persone note ai più, tant’è che la foto della locandina che pubblicizza l’evento è stata scattata ai due protagonisti della commedia nel parco di Villa Castellarin, che dal dosso più alto domina Bosco Chiesanuova. «C'era una volta una bella fanciulla col “toni”» la caratteristica tuta blu degli operai che nella commedia serve per assonanza a richiamare ambiguamente persone e fatti, «buona, brava e sfortunata, che stanca di essere maltrattata, aspetta e spera l’arrivo di una fata gentile che oggi potrebbe arrivare con una semplice telefonata», è la sintesi della locandina che incuriosisce e richiama. Sarà un successo come sono stati negli anni scorsi «Toteli ti» (Prenditeli tu), in cui una coppia di genitori anziani voleva verificare quanto smisurato fosse l’amore dei figli nei loro confronti, e «Vicini... troppo vicini», rappresentata l’anno scorso sull’ironia nella ricerca disperata della coppia perfetta. Come in ogni favola che si rispetti ci saranno re e regina, una matrigna e una fata ... rifatta del tutto (Carlo Alberto Canteri), con Elena Dalla Valentina nel ruolo di Cenerentola e Alberto Zanini in quello di principe, con una dozzina di altri interpreti fra giovani e adulti. Musica non originale (tratta dalla colonna sonora di un celebre brano dissacratorio di Marco Masini), ma adattata per testo e sentimento alla situazione. V.Z.