CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

15.05.2016

Cantalessinia premia
le elementari e le medie

Un momento di Cantalessinia  FOTO AMATO
Un momento di Cantalessinia FOTO AMATO

È stata festa grande, nel teatro parrocchiale, per i 10 anni di Cantalessinia ma anche per quello che le scuole della provincia hanno portato sul palco: spettacoli di elevata qualità, che ben hanno celebrato l’evento.

Difficile fare una classifica, che in realtà non esiste perché a tutte le scuole viene assegnata la stessa targa di riconoscimento e perché i generi sono diversi: dal teatro, al video, alla danza, al coro, tutti hanno strappato applausi.

La prima serata, dedicata ai lavori delle medie, ha visto le classi prime A e B di Cerro presentare con l’aiuto di diapositive il lavoro che li ha tenuti impegnati da inizio anno con la collaborazione dell’associazione Sentieri di Cerro. Insieme hanno percorso i tragitti ripuliti e ripristinati dai volontari, hanno fotografato, raccolto informazioni. In classe hanno scelto le foto più belle e assegnato a ciascuna un titolo fantasioso e poi costruito attorno alle loro osservazioni delle leggende. Fiorenzo Gaole ha diretto bene la prima B di Illasi ne La magnada colossal, canzone che racconta le prelibatezze culinarie della Lessinia, accompagnata con sicurezza alla tastiera da Eleonora. La firma di Vincenzo Rose ha stregato gli studenti della 1D di Lavagno e il pubblico con l’ elaborazione musicale, teatrale e corale della Marantega, il mostro mangia bambini, racconto nato per tenere i piccoli lontani da una pozza d’acqua pericolosa.

Suggestivo il “teatro nero” che l’insegnante di educazione musicale Barbara Forneron ha allestito con le medie di Marzana. Su una scenografia al buio prende vita un mare di fantasia coloratissimo.

Ha chiuso la serata la perfetta esecuzione a cappella delle studentesse di seconda B di Tregnago de La cunela mora, armonizzata a due voci e diretta dal Roberto Barini, un recupero della tradizione orale ben riuscito anche per il collegamento che la classe ha fatto con Lessinia forever, discanto moderno eseguito su base registrata. Ottima presenza delle elementari nel pomeriggio successivo, aperto dal balletto di Lessiniarte Danza e seguito da storie raccontate in video, danza, poesia dalle classi di Cerro, Erbezzo, Roverè, San Rocco di Piegara e Velo. Mister Lui, individuato fra il pubblico, non ha mancato di portare il suo sostegno e incitamento a proseguire nella sperimentazione. Lo spettacolo si è chiuso con il contributo visivo della prima edizione di Cantalessinia, col coro delle elementari di Corbiolo e la direzione della maestra Rossella Brombin. Un grazie a tutti, soprattutto all’impegno dimostrato in questi 10 anni da studenti, maestri e professori, è arrivato da Daniele Bellorio e Daniele Scala a nome della Contrada dei miracoli che ha ideato e coltivato la crescita della manifestazione.

All’associazione, che ha donato il ricavato della serata al fondo istituito dal Comune a favore delle famiglie in difficoltà, è andata una targa di riconoscimento consegnata dal sindaco Paolo Garra e dall’assessore Sergio Brunelli: «Volontà e passione hanno fatto crescere questo evento. È una delle cose buone che hanno ragione di esistere e continuare», ha assicurato il sindaco.

Vittorio Zambaldo
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1