CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

13.04.2018

Tre milioni pronti per rinnovare il palaghiaccio

Il palaghiaccio di Bosco Chiesanuova verrà ristruttturato
Il palaghiaccio di Bosco Chiesanuova verrà ristruttturato

Il bilancio di previsione 2018 del Comune di Bosco Chiesanuova mette sul piatto 15milioni e 484mila euro di entrate: niente male per un paese di appena 3.600 abitanti. «Una cifra esagerata», l’ha definita in Consiglio comunale il sindaco Claudio Melotti, perché orbita su Bosco ma riguarda in realtà interventi anche sui comuni vicini: 7,5 milioni per il progetto di area vasta su malghe e viabilità che coinvolge anche Sant’Anna d’Alfaedo ed Erbezzo; il rinnovo del palaghiaccio per tre milioni e 155mila euro; la sistemazione di San Giorgio per 1,7 milioni; 600mila euro per lo svincolo della zona artigianale dei Lorenzi a Corbiolo e interventi minori a Lughezzano; ultimazione definitiva della biblioteca per centomila euro e altri 200mila per il Museo civico etnografico. A queste cifre andrebbero poi aggiunti altri 150mila euro in project financing per i campi esterni all’area della palestra e della piscina e un impianto fotovoltaico da 40 Kw sul tetto della piscina. «Mi auguro in particolare che l’intervento a San Giorgio attragga altri enti come la Comunità montana e il Parco, per un’area che è il cuore della nostra montagna e che ne rappresenta il futuro», ha spiegato Melotti, rinnovando l’appello a Regione, Provincia, Comune di Verona e Camera di commercio perché collaborino nel far diventare la stazione luogo frequentato 365 giorni all’anno. Per un Comune che ha una simile capacità di spesa, le uscite per i costi del personale sono limitatissime, appena 770mila euro, «perché siamo ridotti al lumicino, sottodimensionati in tutti i settori: pensare di affrontare 15 milioni di euro di spesa contando su solo tre dipendenti coinvolti in questo è un’impresa durissima. Siamo appena al 20 per cento delle spese correnti come spesa del personale, sebbene lo Stato ci autorizzi ad arrivare fino al 50 per cento. Ma non ci sono solo spese per la gestione di opere come piscina e palaghiaccio, ne abbiamo anche per i servizi sociali», ha precisato, «perché curiamo la tutela economica di interi nuclei familiari in difficoltà e ne siamo orgogliosi». «Ciononostante», ha proseguito, «il bilancio è assolutamente solido, chiude da anni in pareggio e regala soddisfazioni con 359mila euro di avanzo anche quest’anno, Considerando che diamo oltre un milione di euro allo Stato per il fondo di solidarietà ad altri Comuni meno virtuosi», ha concluso Melotti prima di chiedere il voto che ha ottenuto favorevole da tutti e come in tutti i punti proposti. «Ringrazio della fiducia», ha detto il sindaco dopo la votazione sul bilancio che è diventato immediatamente operativo per tracciare l’azione dell’amministrazione nei prossimi mesi. Unanimità c’è stata anche sul documento del sindaco finalizzato all’approvazione del piano degli interventi per il «Sistema San Giorgio», un progetto con la caratteristica di pubblica utilità che ridisegna l’area, individua le aree parcheggi, censisce gli impianti, individua le piste da sci di discesa e di fondo. «Si tratta di realizzare un rilievo preciso che presenti realisticamente la situazione del e prospetti i possibili sviluppi come l’ampliamento verso Nord dell’area sciistica». •

Vittorio Zambaldo
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1