CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

06.10.2017

Tre anni di intervento
per portare i ragazzi
ad essere pronti al lavoro

Un ragazzo immigrato in una foto simbolica
Un ragazzo immigrato in una foto simbolica

Saranno dieci i minori non accompagnati che verranno accolti nella comunità educativa di Corbiolo, paese che ha già un’importante e solido substrato di volontariato, cresciuto nei trent’anni di presenza della Piccola fraternità Lessinia. I ragazzi in arrivo non provengono da Centri di accoglienza straordinaria, ma si trovano già in comunità protette per minori del Comune di Verona.

Avranno un’età fra i 15 e i 16 anni, tutti maschi, e non è ancora chiaro di che nazionalità saranno, ma è probabile albanese perché è un tipo di presenza in crescita dopo il ritorno dei loro genitori dalla Grecia, dove erano migrati per ragioni di lavoro. Sono in genere ragazzi già scolarizzati a livello primario, ma che dovranno affrontare un corso di italiano per imparare la lingua e una frequenza scolastica in un Centro provinciale di istruzione per adulti (Cpia) per ottenere il diploma di scuola secondaria di primo grado (cioè la licenza media).

Questi ragazzi utilizzeranno i mezzi pubblici per scendere in città a scuola, come tutti i ragazzi della loro età, e al rientro al pomeriggio saranno impegnati nei compiti e nello studio.

Il progetto sottoscritto dal Comune di Bosco Chiesanuova ha la durata di tre anni, periodo entro il quale i ragazzi devono raggiungere le competenze previste: buona padronanza della lingua italiana e diploma scolastico.

Sono le condizioni per poter affrontare, dopo il compimento del sedicesimo anno, il mondo del lavoro.

Al compimento dei 18 anni questi giovani non sono più considerati minori e devono uscire dalla comunità. Nel periodo di studio hanno un permesso di soggiorno legato al progetto, poi ne dovranno ottenere un altro, legato alla propria condizione di profughi o di titolari di contratto di lavoro.V.Z.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1