Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
mercoledì, 14 novembre 2018

Tanti impianti tanto sport Battesimo per sei

Il palazzetto dello sport di via Monte Ortigara a San Giovanni Lupatoto

Il Comune vuole arricchire la «Settimana dello Sport», manifestazione fissata fra il 15 e il 24 settembre, con sei inaugurazioni di altrettante opere pubbliche legate agli impianti sportivi. Lo ha reso noto il sindaco Attilio Gastaldello alla presentazione del programma della «Settimana dello Sport». «Stiamo amministrando da circa due anni e nel nostro programma elettorale ci eravamo impegnati a fare investimenti importanti nelle strutture sportive, nella convinzione che senza impianti adeguati sia difficile praticare sport», ha detto Gastaldello. «Oggi possiamo con orgoglio affermare che l’obiettivo che ci eravamo posti è stato raggiunto, già a metà mandato, come testimoniano le sei inaugurazioni di opere sportive che avverranno alla Settimana dello Sport». Giampaolo Aloisi, presidente della Consulta comunale dello Sport, organismo che ha curato l’organizzazione degli eventi di settembre, ha elencato uno per uno i sei interventi alle strutture sportive. «L’opera più impegnativa è il palazzetto dello sport di via Monte Ortigara a cui si aggiungono però la riapertura del Centro sportivo di via Olimpia, la pista di atletica del campo Nino Mozzo, gli spogliatoi del campo da calcio Battistoni, il nuovo campo da tennis a fondo sintetico del circolo Tennis di San Giovanni Lupatoto e il parcheggio con servizi del campo di bmx». Il palazzetto di via Monte Ortigara, costato quasi 2,5 milioni di euro, misura 32 metri di larghezza per 45 metri di lunghezza ed è alto 7,50 metri. L’area di gioco, nella sua conformazione massima, è di 21,5 metri per 41,5; nel fabbricato c’è anche una sala di pre-atletica di 70 metri quadrati fra campo da gioco e zona a servizi. La pavimentazione dell’area gioco è stata realizzata in parquet sportivo, posta sopra un pavimento in calcestruzzo sul quale è stato realizzato l’impianto radiante di riscaldamento. La tribuna, destinata a ospitare 450 spettatori, ha una struttura in acciaio con piani di seduta in legno multistrato e tre scale di smistamento. Il Centro sportivo di viale Olimpia, oggetto di un intricato subentro tra vecchio e nuovo gestore che ha comportato una chiusura al pubblico di circa quattro mesi, dovrebbe riaprire i battenti a settembre con la nuova gestione, non appena completati da parte del Comune gli interventi di manutenzione straordinaria dell’impianto idraulico. La pista di atletica di viale Olimpia, intitolata al campione ciclista degli anni Trenta Nino Mozzo, è stata oggetto del rifacimento del fondo (con una spesa di più di 100mila euro) e, stando a quanto detto dal presidente Aloisi in Consiglio comunale, è ora il miglior impianto per l’atletica leggera della provincia veronese. Lo stadio Battistoni è stato interessato dal rifacimento delle tribune e dalla completa ristrutturazione degli spogliatoi dell’ala storica, con messa a norma del fabbricato per una spesa vicina ai 115mila euro; altre interventi sono stati il rifacimento integrale degli impianti elettrici (27mila euro), degli impianti idrici e sanitari (14mila euro) e degli impianti termici (27mila euro). Al circolo tennis lupatotino di via XXIV Maggio, è pronto al taglio del nastro il nuovo campo realizzato con fondo sintetico. Aloisi ha preannunciato l’interesse delle Federazione nazionale tennis per la struttura, dove potranno cimentarsi anche gli atleti diversamente abili. Infine, per la pista di bmx di viale Olimpia è stata investita la somma di 98mila euro (utilizzando l’avanzo di amministrazione 2016) per la realizzazione del parcheggio e di alcuni altri lavori accessori. Per la pista di bmx, la Giunta ha approvato anche un intervento di rifacimento della curva parabolica (da effettuarsi nei prossimi mesi) per una spesa di circa 20mila euro. •