Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
venerdì, 22 giugno 2018

Sos violenze Sportello rosa a Casa Novarini

Uno stand di Telefono Rosa in piazza Bra a Verona (BATCH)

In un anno lo Sportello Rosa Verona ha accolto 153 donne e 106 minori che hanno avuto il coraggio e la forza di raccontare in prima persona che cosa significhi subire violenza fisica, psicologica e sessuale ma anche economica, essere vittime di stalking o di segregazione. È una delle attività del Telefono Rosa, associazione di volontariato che a Verona è nata nel 1990, formata da donne e rivolta a tutte le donne, italiane e straniere, che vivono situazioni di violenza fuori o dentro le mura domestiche. Da oggi uno sportello sarà attivo anche a San Giovanni Lupatoto, nella cosiddetta «Sala rosa» a Casa Novarini, spazio messo a disposizione dal Comune. Operativo una volta alla settimana, assicurerà alle donne adeguata riservatezza. In base alla convenzione, che ha durata triennale, il Comune di San Giovanni Lupatoto erogherà all’associazione un contributo di 500 euro all’anno La presentazione si terrà questa sera alle 20.30, a Casa Novarini. All’inaugurazione sarà presente, come ospite speciale e testimonial, Antonella Rana, le musiche saranno eseguite dai ragazzi del liceo Musicale di Verona. L’evento è inserito nella rassegna culturale «Emozioni in Rosa 2018», che si protrae fino ad aprile. Gli appuntamenti più immediati sono, domani alle 20.30 nella sala del centro culturale, la Festa della donna organizzata dal Circolo Maritain e domenica alle 17 Casa Novarini la nuova serie di «Poesie nel dì di domenica» che si aprirà con le poesie al femminile nell’Italia del Risorgimento. •