Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
giovedì, 15 novembre 2018

Il palazzetto cerca sponsor e anche un nome

Il palazzetto dello sport di via Monte Ortigara FOTO AMATO

Prima di valutare ipotesi di intitolazione a personaggi locali per il nuovo palazzetto dello sport di via Monte Ortigara (cosa richiesta anche con petizioni popolari), il Comune punta a torvare uno sponsor. In pratica l’amministrazione cerca una ditta che sia disposta a pagare per vedere il proprio nome assegnato alla struttura sportiva. A Milano, ad esempio, c’è il PalaPavesi e a Bologna l’Unipol Arena. L’idea è quella. La giunta ha di conseguenza formulato un atto di indirizzo perché gli uffici provvedano a individuare, mediante procedura a evidenza pubblica, uno sponsor al quale intitolare il Palazzetto dello sport di via Monte Ortigara. La giunta ha fissato anche i criteri e i confini della ricerca: il primo stabilisce che l’offerta di sponsorizzazione dovrà riguardare esclusivamente un corrispettivo in denaro non inferiore a 20mila euro per un contratto di sponsorizzazione per tre anni. In cambio la ditta potrà attribuire alla struttura il proprio nome per lo stesso periodo, con un’ insegna con marchio e logo sul palazzetto, in corrispondenza dell’ingresso principale e con altre tre insegne o cartelli o banner luminosi all’interno. Le dimensioni e le modalità sia di esposizione di questi impianti pubblicitari saranno concordate con l’amministrazione comunale. La ditta potrà inoltre avviare una campagna informativa e di comunicazione dell’iniziativa e apporre il proprio marchio sulle locandine delle manifestazioni promosse dall’amministrazione comunale. Gli indirizzi precisano che il logo dello sponsor che fruirà dello spazio pubblicitario non potrà avere contenuti in conflitto con le attività istituzionali dell’ente ed inoltre non potrà riguardare propaganda di natura politica, sindacale, religiosa, filosofica e neppure pubblicità diretta o collegata alla promozione o distribuzione di tabacco, prodotti alcoolici, materiale pornografico o riferita allo sfruttamento del lavoro minorile. I soldi che entreranno dallo sponsor verranno utilizzati per incrementare le risorse per lo sport. Dice la delibera: «Tali risorse potranno essere utilizzate per la copertura parziale dei costi di gestione del Palazzetto e delle attività sportive ivi praticate». Si ricorda poi che il palazzetto dello sport di via monte Ortigara è una struttura sportiva polivalente, che ospita al suo interno un campo di gara per pallacanestro, pallavolo, ginnastica, calcio a 5, pattinaggio. È la struttura più capiente del territorio, con 450 posti a sedere per il pubblico. La scelta dell’amministrazione non va però bene a tutti. I consiglieri di opposizione, Roberto Bianchini (M5s), Massimo Giarola (pd), Anna Falavigna e Martina Gambacorta (Lista Taioli) si schierano contro il provvedimento di giunta e segnalano: «l’incapacità e l’approssimazione di questa amministrazione in materia di gestione degli impianti sportivi». «Non vediamo una programmazione amministrativa tale da coprire le esigenze dei cittadini. Ci sono esperienze non positive come la piscina, l’associazione tennis, le questioni delle tribune, del bar e degli spogliatoi per il campo di calcio Battistoni». «Sarebbe preferibile indire un bando pubblico per l’intitolazione definitiva della struttura e per questo il Movimento Cinque Stelle ha depositato una mozione per affidare al palazzetto il nome del professor Bonato». •