Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
lunedì, 24 settembre 2018

Il centro piscine ormai prossimo alla riapertura

Protesta in giugno davanti alle piscine chiuse: il problema ormai è quasi risolto

Il centro sportivo di viale Olimpia verrà consegnato venerdì 21 settembre al nuovo gestore - la In Sport di Vimercate - e se non ci saranno imprevisti potrebbe tornare ad aprire, una volta attrezzato con gli arredi, verso la metà del mese di ottobre. La data del 21 settembre per la consegna dell’impianto è certa, l’ha comunicata ufficialmente il sindaco Attilio Gastaldello. «Il 21 settembre è prevista, secondo programma, la consegna di tutto il centro natatorio sportivo al nuovo gestore», dichiara il sindaco. «Nei giorni scorsi mi sono recato alle piscine per rendermi conto dell’andamento dei lavori all’impianto della vasca grande interna. L’intervento sarà ultimato entro questa settimana». Il sindaco elenca: «Sono state sostituite diverse parti, per garantire funzionalità e sicurezza all’impianto. I pezzi da sostituire sono stati individuati attraverso un controllo capillare, con l’ausilio di specialisti esterni, e poi sono seguite le procedure di incarico alla ditta migliore in base al minor prezzo. La salute degli utenti non può essere lasciata al caso e i soldi pubblici debbono essere spesi bene». I lavori ai quali fa riferimento Gastaldello hanno riguardato la sistemazione delle tubazioni della piscina grande coperta del Centro sportivo Federico Garofoli, chiuso dalla fine di maggio e in attesa di apertura dopo il cambio di gestore. Le opere, costate circa 20mila euro, sono consistite nella rimozione della vecchia linea di mandata e nell’installazione di nuova tubatura. La data di riapertura del centro sportivo non è ancora certa in quanto i tecnici della In Sport non hanno voluto sbilanciarsi. Se dal punto di vista del funzionamento gli impianti tecnologici del centro Garofoli dovrebbero ora presentarsi a posto, la questione relativa agli arredi e alla attrezzature è infatti ancora tutta da affrontare. Per permettere il regolare funzionamento occorre, ad esempio, oltre che reclutare il personale, dotare piscina e palestra di armadietti e panche; nella zona dell’entrata vanno sistemati il bancone e le apparecchiature di cassa; la palestra va dotata di attrezzi ginnici e macchine per esercizi nonché delle attrezzature per il fitness. Per provvedere ad acquistare e installare tutto ciò occorrono svariati giorni, di conseguenza l’apertura della struttura non potrà avvenire prima di ottobre. La In Sport ci tiene a porre in evidenza che la società ha tutto l’interesse ad aprire il centro natatotio il prima possibile, soprattutto per garantire il servizio sia ai nuotatori che ai frequentatori della palestra. Le quattro piscine, (due all’interno e due all’esterno), il palazzetto e la palestra sono ormai chiuse da quasi quattro mesi. Da quando cioè il precedente gestore, la Società Sport Management, il 19 maggio aveva chiuso i cancelli dell’impianto, dopo aver esaurito il periodo di proroga tecnica di cinque mesi nella conduzione dell’impianto concesso dal comune. Il cambio di gestore è conseguenza dell’esito dell’appalto svolto nel 2017 per l’affidamento della gestione del centro sportivo comunale La In Sport si è aggiudicata il primo posto con il punteggio di 81,09 di cui 53,35 per l’offerta tecnica e 27,74 per gli elementi economici. La seconda classificata, Sport Management, ha raccolto 75,41 punti in tutto. Spiccava sul versante economico l’offerta della In Sport per l’affitto del palazzetto alle squadre di società locali: a fronte di un importo a base di gara di 15 euro all’ora, la società lombarda ha attestato la propria offerta a 4 euro all’ora, mentre la Sport Management aveva proposto 14 euro. La Sport Management era ricorsa al Tar contro l’assegnazione, ma la sua istanza non ha trovato accoglimento. •