Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
venerdì, 16 novembre 2018

I giocatori di calcio bevono dalla borraccia

Il campo di calcio di San Giovanni Lupatoto, intitolato a Giacomo Battistoni, si arricchisce di un impianto di microfiltrazione e di distribuzione dell’acqua per gli atleti che vi giocano. Lo ha installato, del tutto gratuitamente, la ditta «Acquaviva Wt». «Per l’anno sportivo 2018-2019, la nostra società, a seguito di un accordo stipulato con l’associazione sportiva Calcio San Giovanni Lupatoto, rende disponibile un impianto per la microfiltrazione e il trattamento dell’acqua di rete, che abbiamo fatto installare al centro sportivo Giacomo Battistoni», illustra Stefano Bressan, esponente della società donatrice dello speciale «filtro». «Con l’installazione di questo impianto di trattamento dell’acqua, verrà fornita agli atleti l’acqua proveniente direttamente dalla rete idrica comunale, garantendone non soltanto la salubrità igienico sanitaria (come prevede la legge), ma anche la qualità organolettica, con l’obiettivo concreto di ridurre per tutti gli atleti il consumo di bottiglie di plastica, contenendo perciò anche il numero di rifiuti in plastica, nonché incidendo positivamente sugli annessi costi di trasporto, smaltimento e raccolta differenziata». Proprio per questo motivo, ad ogni atleta verrà anche fornita gratuitamente una borraccia personale con lo stemma della società calcistica. «Sotto il profilo educativo, con questa iniziativa ci si auspica una maggiore sensibilizzazione dei ragazzi a bere l’acqua di rete, che è controllata e anche microfiltrata, mostrando la giusta attenzione al bene acqua», dice Giampaolo Aloisi, presidente della consulta comunale per lo sport. • R.G.