CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

19.11.2017

I disabili abili e arruolati
per insegnare a riciclare

Giovani del Cerris in laboratorio
Giovani del Cerris in laboratorio

Domani, alle scuole elementari di Raldon, inizierà «Io riciclo e tu sorridi», progetto ambientale e formativo per la scuola dell’obbligo che vede protagonisti gli ospiti del Cerris, il Centro di accoglienza, riabilitazione e assistenza dei soggetti diversamente abili.

Il progetto, frutto della collaborazione tra il Comune di San Giovanni Lupatoto, la Sgl Multiservizi e l’Ulss 9 Scaligera, si svilupperà alle scuole Antonini di Raldon, impegnando due classi quarte delle elementari in due incontri per classe, durante i quali i ragazzi del Cerris, accompagnati dagli educatori, entreranno a scuola per mostrare come materiali di riciclo possano diventare veri e propri manufatti.

Si tratta di un progetto innovativo, che vede i ragazzi diversamente abili insegnare ai bambini come rendere i rifiuti opere d’arte o oggetti d’uso comune dando così una nuova vita a plastica, carta, legno, polistirolo e lattine, e facendo comprendere agli alunni come si possono esplicare le diverse abilità.

Il risultato di questi laboratori verranno esposti il 3 dicembre all’auditorium delle medie Marconi durante le iniziative organizzate dall’amministrazione comunale lupatotina per la Giornata internazionale delle persone con disabilità.

«Grazie alla sinergia creata dalla collaborazione, e messa in rete, di più attori, quali l’Ulss e Cerris, la Sgl Multiservizi, il Comune di San Giovanni Lupatoto e le scuole, prosegue il nostro impegno per una città inclusiva, dove ognuno venga valorizzato per le sue capacità e partecipi pienamente alla vita della comunità», dichiara l’assessore al Sociale Maurizio Simonato. L’assessore all’Istruzione Debora Lerin aggiunge: «È una bella opportunità per i bambini e le bambine apprendere l’utilità del riciclo attraverso l’esperienza dei ragazzi disabili del Cerris. Quindi, un progetto a doppia valenza perché unisce alla didattica, l’aspetto umano dell’integrazione».R.G.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1