CHIUDI
CHIUDI

11.01.2019

Finti tecnici di Acque veronesi tentano in centro furti in casa

Finti tecnici di Acque veronesi, vestiti con un giubbetto giallo, tentano di entrare in casa per rubare, richiamandosi alla necessità di controlli idrici, e, in un caso, riescono ad appropriarsi di alcuni oggetti d’oro, ma in altri due non ce la fanno a raggirare gli anziani proprietari. E’ accaduto a San Giovanni Lupatoto, fra via Italia e via Cavour, dove la truffa è andata a segno, e poi in via Ricamificio, dove il tentativo operato su due abitazioni è invece fallito. I fatti sono stati resi noti ieri in un incontro informativo svoltosi nella sede di Acque veronesi, dal presidente del consorzio che gestisce il ciclo dell’acqua, Roberto Mantovanelli e dal consigliere di amministrazione Mirko Corrà, e, per l’amministrazione comunale di San Giovanni Lupatoto, da Maurizio Simonato e Debora Lerin, rispettivamente assessori alla sicurezza e alla comunicazione del Comune lupatotino. «Nei giorni scorsi, sono giunte numerose segnalazioni di cittadini di San Giovanni Lupatoto che hanno riferito di presunti tecnici di Acque Veronesi che si sarebbero recati nelle loro abitazioni per effettuare verifiche sulla potabilità e sulla sicurezza dell’acqua e descrivendo situazioni anomale riconducibili a potenziali truffe» hanno dichiarato l’assessore Simonato e il presidente Mantovanelli. «I cittadini ci hanno riferito della presenza nel territorio comunale di alcune persone vestite con giubbotto giallo che fingendosi incaricati di Acque Veronesi, avrebbero cercato di introdursi nelle abitazioni con l’intento di rubare o fare truffe», riferisce l’assessore Simonato. «Gli episodi si sono verificati nella zona Buon Pastore e in via Ricamificio in concomitanza con l’episodio di sversamento di oli nel canale Giuliari. In alcuni casi la truffa è riuscita, in altri le vittime non hanno aperto evitando così il raggiro». «Il furto messo a segno nella zona del Buon Pastore è stato denunciato alle forze dell’ordine mentre per gli altri due episodi sono state fatte segnalazioni anche alla polizia locale» aggiunge Simonato. I rappresentanti dei due enti pubblici hanno inoltre fornito informazioni utili alla sicurezza degli utenti, soprattutto quelli più anziani e indifesi.Mantovanelli, Simonato e Lerin hanno raccomandato la massima attenzione, invitando i cittadini a non fare entrare sconosciuti nelle proprie abitazioni, chiedendo sempre un tesserino di riconoscimento. «Salvo casi eccezionali o interventi programmati», ha dichiarato Mantovanelli gli operatori dell’azienda Acque veronesi non entrano mai in casa degli utenti, né per installare impianti di depurazione o filtri, né per effettuare controlli sulla qualità dell'acqua erogata e in nessun caso per riscuotere pagamenti di bollette. In casi dubbi, l’invito è quello di contattare il numero verde guasti 800734300 (attivo 24 ore su 24) per avere conferma di un eventuale intervento programmato». Gli assessori Simonato e Lenin hanno così concluso: «Raccomandiamo la massima attenzione, perché queste truffe sono svolte da professionisti che colpiscono soprattutto gli anziani». «Ricordiamo alcuni consigli che vengono dati anche negli incontri che svolti sul territorio in collaborazione con le Forze dell’ordine. Il primo e fondamentale: non aprite e non fate entrare nessuno nella vostra abitazione se non è persona da voi conosciuta. Eventuali criticità nell’erogazione di gas, luce o acqua non vengono risolte entrando nella vostra casa, non credete a chi minaccia pericoli di scoppi, inquinamenti od altro. In caso di dubbio, telefonate ai vigili o ai carabinieri o all’ente interessato, usando il vostro telefono. Mantenete la calma, quando i malintenzionati si accorgono che non siete disponibili e che state avvisando qualcuno, normalmente desistono». •

R.G.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1