Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
giovedì, 20 settembre 2018

Quattrocento drink tutti in una volta Spediti, non bevuti

I due amici di Mr Bubbles: Matteo Minghetti ed Emanuele Dusi

Gustare un mojito, un americano o un moscow mule, creati ad hoc da barman professionisti, restando seduti comodamente sul divano di casa. Sembra un sogno ma non lo è grazie a una startup di San Martino Buon Albergo, la Mr Bubbles di Matteo Minghetti, 44 anni ed Emanuele Dusi, 38. L’idea di fondo è molto semplice: un bar virtuale, in internet, dove ordinare i cocktail (il listino ne propone di dieci tipi diversi) e vederli consegnati, entro poche ore, direttamente a domicilio. Il quartier generale di Mr Bubbles in zona industriale a San Martino Buon Albergo è composto da un ufficio, un magazzino e un laboratorio artigianale. «Riceviamo gli ordini sul nostro sito di e-commerce», spiega Matteo Minghetti, «e, in base alle richieste, prepariamo personalmente, al momento, i cocktail, come fossimo al bancone di un bar. Una volta pronti, i drink vengono messi in bottigliette monodose e spediti in tutta Italia. A Verona, se l’ordine viene inoltrato tra le 10 e le 20.30, dal lunedì al sabato, riusciamo a consegnare in due ore». Ai due soci la stravagante idea è maturata sul campo. «Da piccolo sognavo di fare il pompiere», ride Minghetti, «poi invece ho scoperto il mondo dei cocktail. Ho cominciato a sedici anni, in estate, in Sardegna. Durante l’inverno studiavo per diventare geometra e, nelle vacanze, mi guadagnavo da vivere lavorando nei bar. Dal 1998 al 2000 mi sono trasferito a Londra, sempre per fare il barman, e ho imparato nuove tecniche e nuovi segreti del mestiere. Dopo Londra ho lavorato per un paio di anni a Milano e nel 2002 sono rientrato a Verona. Qui, ho aperto la prima scuola di barman veronese dove insegnavo le tecniche del nostro lavoro e la miscelazione. Contemporaneamente ho fondato la Fun&Chic dove, ancora oggi, offriamo servizi di cocktail bar per matrimoni, compleanni e feste aziendali». ED È PROPRIO QUI che inizia a nascere l’idea dei cocktail monodose a domicilio. «Quando incontravamo dei clienti per accordarci sul servizio di catering-bar», spiega Minghetti, «era difficile far assaggiare tutti i nostri cocktail. Così abbiamo iniziato a lasciare loro delle bottigliette monodose, da gustare dove e quando volevano. Poi ci siamo chiesti “ma perché non spedire i mojito o gli americano in bottigliette come queste direttamente nei salotti delle persone?” ed eccoci qui». «Non è facile bere un buon drink fatto in casa», spiega Emanuele Dusi, «perché, a differenza della cucina, non sono molte né le scuole né i programmi televisivi dove imparare a farli. A noi piace definirci “pasticceri dei cocktail” perché siamo dei veri e propri artigiani. Oltre a creare all’istante uno a uno i nostri prodotti nel nostro laboratorio, utilizziamo il 100 per cento di frutta con distillati solo di alta qualità». PER EMANUELE Dusi la passione per i cocktail è stata un vero e proprio colpo di fulmine. «A diciassette anni sono rimasto affascinato dalla professionalità con cui Matteo creava i suoi drink. Frequentavo da consumatore il bar Art Cafè di Borgo Venezia dove lui lavorava. Dopo un po’ seppi che cercavano un ragazzo, un garzone che li aiutasse. E io mi offrii. Andavo durante i fine settimana. Il primo anno pulivo tavoli, sistemavo la cambusa, spostavo scatoloni senza perdere mai di vista però i barman e le loro creazioni. Poi ho iniziato a miscelare anch’io. In quel periodo di giorno lavoravo come commesso e di sera facevo il barista. Finché non ho capito che questo era il lavoro che volevo fare a tempo pieno». Ad oggi le confezioni di Mr Bubbles sono state spedite fino in Calabria, Campania e Sardegna. «L’ordine più numeroso mandato a un privato è di 400 drink», concludono i due soci, «ma siamo prontissimi a superarlo». •