CHIUDI
CHIUDI

31.12.2019

«L’ospedale di comunità? Non c’è niente da festeggiare»

Interni dell’ospedale Orlandi di Bussolengo
Interni dell’ospedale Orlandi di Bussolengo

Il Comitato salvaguardia Ospedale Orlandi interviene, dopo l’annuncio del direttore generale dell’Ulls 9 Scaligera, Pietro Girardi, della possibilità concreta che nella prossima primavera venga inaugurato a Bussolengo l’ospedale di comunità. «Alla notizia dell'apertura dell'ospedale di comunità all'Orlandi non possiamo certo gioire. Tutt'altro», sottolinea Chiara Corsini, a nome del direttivo. «I posti di comunità servono e servivano, erano assolutamente necessari, ma non a scapito della perdita dell'Orlandi, ospedale per acuti, perfettamente funzionante e meritorio di riconoscimenti Unicef e Onda nel corso degli anni». Questo nel quadro della attuale configurazione della sanità dell’ovest veronese. «Non staremo a ripetere che il danno all'assistenza ospedaliera pubblica per la zona del Baldo-Garda è stato fatto», dice Corsini, «con pazienza certosina, da Malcesine, passando per Caprino e arrivando a Bussolengo. Ora, che ci si debba rallegrare perché il reparto di psichiatria sia stato finalmente spostato in una posizione più idonea della precedente è eccessivo, in quanto la precedente sistemazione doveva essere provvisoria ed è durata anche per troppo tempo. Che ci si dimentichi da dove si è partiti e dove siamo arrivati è a dir poco offensivo per l'intelligenza dei cittadini che vogliono credere di essere tutelati da chi si dice a difesa dell'ospedale, amministrazione comunale in primis». Sul Tavolo per l’Orlandi organizzato dal sindaco di Bussolengo, Roberto Brizzi, il Comitato salvaguardia Ospedale Orlandi è fortemente critico. Conclude Corsini: «Se poi il Tavolo di recente istituzione è stato fatto solo per sorvegliare, seguire ed esprimere soddisfazione esattamente per quello che si diceva di voler combattere, cioè il progressivo svuotamento dell’Orlandi, le speranze di fare davvero qualcosa di utile e concreto per gli abitanti della zona ovest della provincia sono davvero agli sgoccioli. Noi come Comitato per la salvaguardia dell'ospedale Orlandi non ci limiteremo mai a questo: abbiamo lottato perché il depotenziamento non avvenisse, ora di certo non ci diciamo felici perché il depotenziamento viene consolidato». •

Lino Cattabianchi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1