CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

09.12.2017

Rapisarda, debutto che ride della paura della vecchiaia

Enzo Rapisarda in uno dei suoi spettacoli teatrali
Enzo Rapisarda in uno dei suoi spettacoli teatrali

Oggi, alle 21, al Teatro Valpantena, debutta la «Nuova compagnia teatrale Enzo Rapisarda» con la commedia «Vecchi tanto per ridere». La commedia narra le vicende di un gruppetto di persone che, raggiunti i limiti di età, si rifiutano di «andare in pensione, si sentono ancora giovani, capaci e vogliosi di vivere a pieno la vita». Rapisarda, in un gioco di colpi di scena e grazie alla comicità degli interpreti, farà sorridere e riflettere su come evitare di diventare «come vecchi divani, accantonati in soffitta». La domanda frequente è: «C’è ancora la terza età, oggi?». Rapisarda, in questa storia ricca di emozioni, trasforma le esperienze della vita trascorsa in ricordi e valorizza la forza e l’energia ancora esistente: «Si diventa vecchi tanto per ridere». Come dire, la vita va sempre vissuta (non subita). Rapisarda è il direttore artistico della compagnia, è attore, regista e autore di molte opere teatrali ed è impegnato nei maggiori teatri d’Italia, nonché tiene seminari a studenti universitari, oltre a far parte di giurie internazionali sul teatro pirandelliano, per il quale ha vinto un prestigioso premio nel 2004 ad Agrigento. Un onore, dunque, la sua presenza a Grezzana, ospite di «Teatrando il venerdì», fortunata rassegna - per adesione e partecipazione di pubblico - giunta all’ottava edizione, ideata da un gruppo di amici e oggi punto di forza dell’Associazione culturale teatrale «I Meo dela Coà», compagnia teatrale locale. Come di consueto, è possibile prenotare i biglietti per lo spettacolo alla gelateria Ciao - telefono, 045.907140 - oppure acquistarli dalle 20 direttamente alla cassa del Teatro Valpantena, la stessa sera dello spettacolo che è davvero da non perdere. • AL.SC.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1