CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

17.02.2018

Cyberbullismo adolescenza e azzardopatia

Giampaolo Trevisi, direttore della Scuola di Polizia di Peschiera
Giampaolo Trevisi, direttore della Scuola di Polizia di Peschiera

L’adolescenza, il cyberbullismo, l’azzardopatia: ne se parlerà a Grezzana in tre incontri del progetto «Genitori e adolescenza» (aperti a tutti e a ingresso libero). Il primo sarà lunedì, alle 20.45, al teatro Valpantena: «Vita on-line e Off-line, i rischi della rete» sarà sviluppato da Giampaolo Trevisi, direttore della Scuola di Polizia di Peschiera e autore di libri quali La casa delle cose e L’amore che non è. Ci saranno giorni nuovi di mille colori diversi». Lunedì 26, nella sala Bodenheim del Centro Eugenio Turri, il tema sarà «La mente dell’adolescente», ovvero «opportunità e sfide dell’adolescenza. Sintonizzarsi per comprenderne il cambiamento». Relatrici la psicoterapeuta Marika Belleri, la psicologa Michela Rossi e la logopedista Irene Tommasi. Giovedì 1° marzo alle 20.45 si tornerà al teatro Valpantena: «idee di prevenzione e protezione dall’azzardopatia». Una serata articolata valida per tutti. Relatori il dottor Alberto Porta del dipartimento Dipendenze di Verona che nello specifico tratterà «Quando il gioco diventa patologico»; a seguire il dottor Fabio Lugoboni e l’avvocato Renzo Segala autori del libro La ruggine non dorme mai. Interverranno inoltre i docenti di matematica Antonio Ficili e Rosamaria Conti per dimostrare che «chi gioca non conosce la matematica, chi ci guadagna sì». Gli incontri sono promossi dall’assessorato all’istruzione e alla cultura di Grezzana, dalla biblioteca comunale e dagli istituti compresivi Giovanni Pascoli e 16Valpantena, in collaborazione la parrocchia di Grezzana. •

Alessandra Scolari
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1