Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
martedì, 20 novembre 2018

Dall’antipasto al dessert: è la cena di pesca

La presentazione della Festa d’estate di Bussolengo che era stata fatta qualche giorno fa in Provincia

Torna la Festa d’estate, la sagra estiva di Bussolengo che, da giovedì a domenica, offre anche una vetrina al prodotto tipico locale con la 44a Mostra delle pesche, in programma domenica mattina. «Un connubio imprescindibile», spiega il sindaco Roberto Brizzi, «che caratterizza il territorio bussolenghese e che la nuova amministrazione intende sostenere e valorizzare». La Festa d’estate quest’anno inizierà con la cena allestita in corso Mazzini. Un momento conviviale al Profumo di pesca, perché la pesca sarà l’ingrediente dall’antipasto al dessert. Una cena pensata per tutti, adulti e bambini, con un menù di qualità, ad un prezzo contenuto. La prima serata si concluderà con la musica live del gruppo Due 3 Otto, a partire dalle 22 in piazza XXVI Aprile. Nella serata di venerdì il concerto della Kyras Band e Beatrice Pezzini, quest’ultima finalista di The Voice of Italy 2018. Sabato saranno le musiche e le canzoni degli anni ’60 e ’70 a intrattenere il pubblico della Verona Beat in tour, sempre in piazza XXVI Aprile e sempre ad ingresso gratuito. Domenica tutta l’attenzione sarà per la Mostra delle pesche, esposizione delle migliori pesche della stagione 2018, cui partecipano gli agricoltori, con 300 plateau. «Una competizione e un vanto, per la qualità del prodotto», sottolinea Gianluca Fugolo, presidente del Mercato ortofrutticolo di Bussolengo e Pescantina, «che con il marchio Principesca si distingue per tracciabilità e freschezza». «Negli ultimi anni», sottolinea l’assessore all’agricoltura Giovanni Amantia, «con l’introduzione dei marchi e dell’Igp, i produttori hanno sentito il bisogno di ideare un marchio per qualificare maggiormente le proprie pesche e ci sono riusciti grazie all’aiuto delle amministrazioni di Bussolengo e Pescantina, così è nato il marchio Principesca. La produzione della pesca Principesca è legata in particolare al territorio dei comuni di Pescantina e Bussolengo. Il prodotto è commercializzato esclusivamente tramite il mercato e deve essere raccolto in giornata. Con la Principesca il mercato qualifica una fascia di prodotto superiore, un prestigio sia per le aziende sia per il territorio di Bussolengo e Pescantina da sempre culla della peschicoltura». Domenica vi sarà anche la premiazione del concorso Bussolengo in fiore e l’esposizione delle opere artistiche dell’associazione culturale Artemisia Alla Mostra delle pesche sarà presente un punto dimostrativo, gestito nell’ambito del progetto La Pesca a tavola, cui il Comune di Bussolengo aderisce insieme ad altri sei comuni, per proporre un fresco aperitivo estivo e i frutti intagliati, vere e proprie opere artistiche. La dimostrazione sarà a cura degli allievi dell’Istituto alberghiero Angelo Berti di Verona e dalla ditta SI Label che sta promuovendo la nuova etichettatura del marchio Principesca, che tramite l’accesso ad un QR code offre la tracciabilità del prodotto e utili consigli per il suo consumo. •