CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

07.11.2017

Parcheggia all’Auchan
e trova l’auto svaligiata

Ecco come appariva l’auto del turista dopo il furto
Ecco come appariva l’auto del turista dopo il furto

La spesa all’Auchan di Bussolengo è costata non poco ad un turista tedesco, residente in Baviera. Il conto è salato: il vetro spaccato dell’auto, tre cellulari, computer, chiavette usb e quant’altro spariti dal sedile posteriore. Brutta sorpresa per Martin Vlcek che ha lanciato un appello su Facebook per recuperare almeno in parte la refurtiva. Al tedesco, interessano soprattutto le foto, appena scattate durante la sua vacanza a Venezia.

Una volta constatato il furto, il turista si è recato nella caserma dei carabinieri di Bussolengo dove ha denunciato il furto. Ora la sua speranza di recuperare il maltolto è riposta nelle immagini riprese dalle telecamere, installate vicino alla sua auto. Vlcek aveva parcheggiato, tra l’altro, vicino alla Regionale 11 ben lontano dall’ingresso del centro commerciale che come ogni sabato pomeriggio era super affollato. È stato un gioco da ragazzi per i malviventi, quasi sicuramente di passaggio, effettuare il colpo praticamente indisrutbati.

Sono le 17 di sabato quando il turista parcheggia la sua auto, davanti all’Auchan con il futuro bottino sul sedile posteriore ben visibile e si reca nel centro commerciale. All’uscita la brutta sorpresa: due zaini, uno blu e uno nero rubati con un notebook, una tavoletta, tre smartphone, un disco rigido esterno, una fotocamera digitale, una chiavetta Usb, passaporto e chiavi per auto e appartamento, nonché caricabatterie e cavi.

«Sul notebook e sul disco rigido ci sono i miei dati importanti», riporta il post su Facebook del turista. E poi lancia un appello a chiunque in quelle ore si trovava nelle vicinanze del centro commerciale di rivolgersi alle forze dell’ordine. Nel frattempo, le indagini sono iniziate ma la strada per rintracciare i ladri sembra, per il momento, in salita. Appare difficile che chi ha commesso il furto abbia agito a viso scoperto. La speranza è quella di riuscire a leggere la targa dell’auto dei malviventi. Ma quella è, appunto, una speranza. G.CH.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1